Rabbia all’ingresso di Machu Picchu

La sospensione della vendita dei biglietti d’ingresso al castello Inca di Machu Picchu, nel sud-est del Perù, venerdì, ha fatto arrabbiare i commercianti e scatenato le proteste dei turisti, ha riferito sul posto un giornalista dell’AFP.

• Leggi anche: Ancora più visitatori sono stati autorizzati a visitare Machu Picchu

Le proteste sono scoppiate intorno alla fortezza e nel villaggio di Machu Picchu, noto anche con il suo antico nome, Aguas Calientes.

“Ho pagato i miei biglietti (del treno) con Inca Rail per un giorno con una guida turistica, abbiamo anche pagato un extra per l’autobus per Machu Picchu, dove si trovano le rovine, e loro non volevano lasciarsi andare”, il turista messicano Yisrael Gonzalez Rizzo ha detto all’AFP perché non abbiamo preso il biglietto.

“È una bufala”, ha detto il turista arrabbiato, che ha detto di aver pagato $ 65 per il treno da Ollantaytambo, a circa 148 chilometri di distanza.

Anche i mercanti della città hanno espresso la loro insoddisfazione.

Decine di loro hanno tagliato la linea ferroviaria per impedire la circolazione dei treni e hanno chiesto al Ministero della Cultura di riprendere la vendita dei biglietti per Machu Picchu per rilanciare l’economia locale.

Le autorità non hanno fornito spiegazioni sulla sospensione decisa venerdì, ma i biglietti d’ingresso per Machu Picchu sono soggetti a un sistema di quote.

Davanti alle manifestazioni, il Ministero della Cultura ha indicato di aver deciso di riprendere definitivamente la vendita dei biglietti, pur nel rispetto dei limiti stabiliti a tutela del patrimonio archeologico.

Questa è la seconda manifestazione in poco più di due settimane contro la mancanza di biglietti per visitare questo sito turistico.

READ  Boeing | Il problema elettrico del 737 MAX è legato a un centinaio di dispositivi

Prima delle prime manifestazioni, al castello potevano entrare circa 4.000 persone al giorno.

Il ministero ha deciso alla fine di luglio di aumentare questa capacità a 5.000 persone al giorno.

Situata a 110 chilometri da Cusco, l’antica capitale dell’Impero Inca, questa antica città fu costruita dall’imperatore Pachacotec nel XV secolo.

Machu Picchu è patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 1983.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.