Putin stabilisce la legge marziale nei territori annessi

Il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato mercoledì l’emanazione della legge marziale nelle quattro regioni ucraine di Donetsk, Lugansk, Kherson e Zaporizhia, che Mosca ha annesso a settembre.

• Leggi anche: Circa 50 dipendenti di Zaporizhia sono “prigionieri” dalla Russia

• Leggi anche: L’occupazione russa vuole evacuare 50mila persone da Kherson

• Leggi anche: Mosca avrà bisogno di almeno due anni per ricostruire il suo esercito

Il signor Putin ha annunciato questa misura durante una riunione televisiva del Consiglio di sicurezza. Il Cremlino ha successivamente emesso un decreto che conferma l’entrata in vigore della legge marziale in queste regioni a partire da giovedì 00:00 ora locale.

Vladimir Putin ha dichiarato che queste terre “avevano stabilito la legge marziale prima della loro adesione alla Federazione Russa, ma è necessario formalizzare questo sistema seguendo la legislazione russa”.

Ha giustificato questa azione dicendo che Kiev ha rifiutato di negoziare con Mosca e ha continuato, secondo lui, a “bombardare” la popolazione civile in queste aree.

“I neonazisti (ucraini) usano apertamente metodi terroristici (…) inviano gruppi di sabotatori nelle nostre terre”, ha aggiunto, denunciando soprattutto l’attacco al ponte di Crimea e le “infrastrutture nucleari”, senza specificare quale.

Ascolta lo spettacolo di apertura di Loïc Tassé nello spettacolo di Benoit Dutrizac trasmesso in diretta ogni giorno alle 12:30. Attraverso Radio QUB :


Secondo il decreto, entro tre giorni il governo russo deve proporre misure concrete per la loro attuazione in queste regioni.

La legislazione russa prevede una serie di misure in caso di adozione della legge marziale: rafforzamento delle misure di sicurezza, coprifuoco, divieto di assembramenti pubblici, evacuazione di società strategiche, divieto di lasciare i rispettivi territori, arresti di residenti, creazione di un esercito . Controllo delle telecomunicazioni, ecc.

READ  Accumulo pesante - incidente - congestione sulla superstrada Laurenziana - Notizie

Il decreto istituisce anche un sistema di sicurezza rafforzato, descritto come un “sistema di reazione di livello medio”, nella Crimea annessa nel 2014, così come nelle regioni russe di Krasnodar, Rostov, Belgorod, Bryansk, Voronezh e Kursk situate vicino all’Ucraina.

Nel Distretto Federale Centrale, dove si trova la capitale Mosca, è stato anche istituito un sistema di allerta potenziato, in conformità con questo decreto.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.