Presidenziali 2020: “Dì solo che le elezioni sono state corrotte e al resto penserò io”

“Dì solo che le elezioni sono state corrotte e io mi occuperò del resto”: l’ex presidente Donald Trump ha fatto pressioni sul procuratore generale degli Stati Uniti alla fine dello scorso anno per sostenere le sue accuse di frode alle elezioni presidenziali, secondo i documenti rilasciati venerdì.

• Leggi anche: L’influenza di Trump sta lentamente svanendo

• Leggi anche: La dichiarazione dei redditi di Donald Trump dovrebbe andare al Congresso

• Leggi anche: Campidoglio: certificati di coagulazione

Questo sorprendente scambio ha avuto luogo il 27 dicembre 2020, un mese e mezzo dopo che Joe Biden ha vinto il ballottaggio, secondo le note registrate dal numero due del Dipartimento, Richard Donoghue.

Il procuratore generale ad interim Jeffrey Rosen ha risposto al miliardario repubblicano: “Per favore, comprendi che il Dipartimento di Giustizia non può e non vuole battere le dita e cambiare l’esito delle elezioni, semplicemente non funziona in questo modo”.

Jeffrey Rosen ha anche detto a Donald Trump che il dipartimento ha esaminato le sue accuse di frode elettorale e non ha trovato prove.

Il presidente uscente ha risposto: “Abbiamo l’obbligo di dire alla gente che è stata un’elezione corrotta e illegittima”.

Questa conversazione è avvenuta pochi giorni prima dell’attacco al Campidoglio da parte dei sostenitori del presidente. Venerdì la commissione antisommossa della Camera ha emesso i mandati.

“Queste note scritte a mano rivelano che il presidente Trump ha ordinato direttamente alla nostra principale agenzia di forze dell’ordine di agire per annullare un’elezione equa e libera nei suoi ultimi giorni in carica”, ha detto il funzionario eletto. La democratica Carolyn Maloney, presidente del comitato, in una dichiarazione.

READ  Lobby di Venezia | La NRA è stata arrestata dalla giustizia di New York

Parallelamente, giovedì il gruppo anticorruzione Citizens for Responsibility and Ethics (CREW) ha presentato una nuova denuncia, chiedendo al Dipartimento di Giustizia di indagare su Donald Trump e il suo capo dello staff Mark Meadows per aver tentato di “manipolare il Dipartimento di Giustizia come parte del loro più ampio campagna per annullare i risultati delle elezioni presidenziali del 2020”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *