Perché ti senti come se avessi già visto questo film

Dal 20 gennaio hai la possibilità di scoprire Ci conosciamo o no?Una nuova commedia drammatica. Una novità di Netflix che sicuramente vi ricorderà un film francese moderno…

Oltre a creare le originali soap opera americane e francesi, Netflix Ha diretto le sue produzioni in altre regioni del mondo. Di recente, milioni di abbonati sono stati in grado di scoprire una serie messicana il ribellenarrativa austriaca Kitz e il dramma giordano Scuola femminile Al Rawabi. Il 20 gennaio, la piattaforma di streaming ha caricato il suo primo film arabo, Ci conosciamo o no?. esaurito Wissam SmayraIl film ruota attorno a un gruppo di sette amici che si riuniscono per cena. Durante la serata, decidono di fare un gioco in cui tutti si impegnano a lasciare i telefoni sbloccati sul tavolo, a patto che tutti i nuovi messaggi e le chiamate vengano letti agli occhi di tutti. Questo gioco si trasformerà rapidamente in molti scandali e fatti smascherati. Questo stadio suona il campanello? È normale… Anche se nuova sulla piattaforma di streaming, questa commedia drammatica può ricordarti il ​​film italiano, Totalmente estranei o la sua versione francese, il gioco.

Ci conosciamo o no? : Cos’è questo nuovo film su Netflix?

Ci conosciamo o no? è essere Il primo film arabo su Netflix. Il film è tratto dal film italiano di successo Totalmente estranei Regia di Paolo Genovese. Uscito nel 2016 in Italia, ha ispirato anche il film francese il gioco. Nel 2018, il lavoro di Fred Cavay è stato proiettato sul grande schermo con un cast di cinque stelle: Stefan de Groot, Suzanne Kleiman, Doria Teller, Vincent Elbaz e la candidata all’Oscar Berenice Bejo. l’artista. La trama è la stessa del film italiano, gli amici si riuniscono intorno a un pasto, con i telefoni sul tavolo, che si trasformerà presto in un incubo. Quasi tre anni dopo il film francese, Netflix ha ora svelato questa nuova versione della coproduzione tra Libano ed Egitto. Delizia per il co-produttore del film: “La mia felicità per questo film non è solo che è il primo film arabo ad essere valutato su Netflix Original Film, sono molto felice che siamo riusciti a riunire grandi attori di tre diversi paesi arabi in un’esperienza nuova e unica.“.

READ  L'originale Museo Reno

Ci conosciamo o no? Il film è al centro delle polemiche in Egitto

Due giorni dopo la sua uscita, il film è stato oggetto di denuncia da parte di un avvocato egiziano. Critica i produttori e l’attrice Mona Zaki (Maryam) per aver minimizzato l’immoralità dopo una scena in cui l’attrice si espone in mutande. Inoltre, il lungometraggio è accusato di promuovere l’omosessualità. Mentre alcuni hanno chiesto il ritiro del film, il capo dell’Art Censorship Authority, Khaled Abdel Jalil, ha affermato che l’Egitto non poteva ritirare il film perché era una produzione libanese.

L’articolo è stato scritto in collaborazione con 6Médias

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *