I tassi di cancro ai polmoni sono in aumento tra le donne e i non fumatori

Secondo lo studio KBP, nel 2020, il 12,6% dei tumori polmonari era correlato a non fumatori. La tendenza osservata nelle donne è stata confermata con un aumento dei casi.

Dott.ssa Ann Sikourav

ha scritto

I tassi di cancro ai polmoni sono in aumento tra le donne e i non fumatori

Il cancro ai polmoni può diventare un cancro femminile? Questo è ciò che suggerisce lo studio KBP-2020 sul carcinoma broncopolmonare primario. I risultati di questo studio sono stati riportati alla Conferenza francese di medicina respiratoria tenutasi a Lille dal 21 al 23 gennaio 2022.

Un aumento “esponenziale” delle donne

Nel 2018, il cancro ai polmoni ha colpito 15.132 donne e ora è il terzo tipo di cancro più comune nelle donne.

“Se tra il 2000 e il 2010 abbiamo effettivamente assistito a un forte aumento di questo tumore nelle donne, questa osservazione è enfatica e purtroppo supera le nostre aspettative” Spiega in un comunicato stampa il dottor Didier Debeaufer, ricercatore principale dello studio KBP, capo di pneumologia all’ospedale E. Muller di Mulhouse e capo della Scuola di medicina respiratoria presso gli ospedali pubblici.

Nel 2000 le donne rappresentavano il 16% dei casi di cancro al polmone, il 24% nel 2010 e sono salite al 34,6% nel 2020. Un aumento esponenziale allarmante, in relazione all’aumento del fumo tra le donne. Questa tendenza è più pronunciata nei pazienti di età inferiore ai 50 anni perché rappresentano il 40% dei nuovi casi di cancro ai polmoni.

Casi in aumento tra i non fumatori

La percentuale di pazienti non fumatori è quasi raddoppiata in vent’anni. Mentre rappresentavano il 7,2% dei pazienti nel 2000, quindi il 10,9% nel 2010, nel 2020 ne sono colpiti il ​​12,6% dei non fumatori.

READ  I casi di dengue si sono stabilizzati a Reunion

L’80% dei tumori polmonari è attribuito al tabacco. Anche fattori genetici, ambientali o occupazionali come l’amianto svolgono un ruolo nell’insorgenza della malattia.

La cannabis, un fattore di rischio per i giovani

La cannabis è uno dei nuovi fattori di rischio analizzati: infatti non era stata considerata in precedenti studi KBP. Lo studio indica che il 3,6% dei pazienti diagnosticati sono fumatori di cannabis. “Quindi l’intuizione che abbiamo avuto nella nostra pratica clinica è ben confermata.‘”, descrive il dottor Debeaufer.

La cannabis è un fattore di rischio di particolare preoccupazione per i pazienti di età inferiore ai 50 anni. Un terzo di loro sono consumatori abituali di cannabis o lo sono stati.

diagnosi tardiva

Nel 2018 sono stati diagnosticati 46.363 nuovi casi di cancro ai polmoni. L’età media alla diagnosi è di 67 anni per gli uomini e 65 per le donne.

Pertanto, come possiamo vedere, il cancro viene quasi sempre diagnosticato in uno stadio molto avanzato – Dr. Debeaufer.

Tumore al polmone: chirurgia delicata –
Rivista di salute

I pneumologi insistono: va effettuato un esame sistematico e strutturato dei pazienti a rischio: “Ciò consentirebbe di diagnosticare nelle fasi iniziali e migliorare le possibilità di guarigione”.ricorda il dottor Debeaufer. Finora, queste raccomandazioni sono state convalidate solo dalui ha.

Leggi anche : Cancro al polmone: lo screening regolare potrebbe ridurre i decessi di almeno il 25%

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.