Pensionati francesi indignati che vivono in Italia di fronte alla doppia imposizione

Pensionati francesi indignati che vivono in Italia di fronte alla doppia imposizione

I pensionati francesi residenti in Italia, vittime di diversi mesi di rettifiche fiscali da parte del fisco italiano, hanno creato un gruppo “Per l’equità fiscale europea” al fine di richiamare l’attenzione del governo francese sull’inaspettata interpretazione dell’accordo fiscale esistente tra la Francia e l’Italia, o almeno i regimi cogenti a cui sono soggetti.

I pensionati francesi in Italia si stanno unendo per far sentire meglio la loro voce. Molti di loro, che risiedono dal nord al sud dell’Italia e percepiscono pensioni francesi erogate in regime obbligatorio, sono stati oggetto per diversi mesi di imprevisti conguagli fiscali da parte del fisco italiano sulla pensione francese in aggiunta alla propria. Tasse, tutte accompagnate da sanzioni e interessi negli ultimi cinque anni.

Dopo aver preso contatto con i consulenti dei francesi residenti all’estero in Italia, questi pensionati si organizzano nel gruppo “Per la Giustizia Tributaria Europea”. Il loro obiettivo: “portare all’attenzione del governo francese il danno morale e finanziario che ne deriva e chiedere alle autorità italiane competenti di chiarire questa situazione il più rapidamente possibile”, nota l’Associazione francese dei pensionati. In Italia.

Per fare questo si è lanciata questa assemblea, rappresentata dal suo portavoce Jean-Claude Charles, lui stesso residente in Sicilia Petizione onlineRivolto al Presidente della Repubblica Emmanuel Macron, al Primo Ministro Elisabeth Bourne, al Ministro dell’Economia Bruno Le Maire, al Ministro del Lavoro e dei Conti Pubblici Gabriel Attal, nonché a Olivier Becht, Ministro Delegato presso il Ministro incaricato per l’Europa e gli Affari Esteri di commercio estero, attrazione e vita francese all’estero. Ad oggi, la petizione ha raccolto quasi 240 firme.

“È imperativo che le case di molti pensionati francesi in Italia vengano confiscate perché non hanno i mezzi finanziari per pagare le tasse dovute o per avviare procedimenti legali lunghi e costosi”.Jean-Claude Charles è preoccupato per la mancanza di sostegno da parte dello Stato francese in questa situazione inaspettata.

READ  "Salvare vite" è la "priorità" della Guardia Costiera tunisina

Convenzione fiscale bilaterale tra Francia e Italia

Già lì Convenzione fiscale bilaterale tra Francia e Italiafirmato il 5 ottobre 1989 ed entrato in vigore il 1° gennaio 1992, al fine di evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sui redditi.
Per ogni categoria di reddito – in particolare per le pensioni – distribuisce il diritto di tassare ciascun paese e prevede meccanismi per l’eliminazione della doppia imposizione.

Articoli 18 e 19 Cosa dice la convenzione fiscale?

Gli articoli 18 e 19 dell’accordo determinano la ripartizione del diritto all’imposta tra il paese di origine e il paese di residenza per le pensioni di vecchiaia.
IO’Sezione 18 Si afferma che “le pensioni e le altre remunerazioni analoghe corrisposte a un residente di uno Stato in connessione con un precedente impiego sono imponibili solo in quello Stato” e che “le pensioni e gli altri importi corrisposti in applicazione della legislazione dello Stato sono imponibili in quello Stato .”
secondo’Sezione 19 Le pensioni corrisposte da uno Stato o da una sua suddivisione politica o amministrativa o da enti locali (nel caso dell’Italia) o regionali (nel caso della Francia) a una persona fisica, in corrispettivo di servizi resi a tale Stato o a quella suddivisione o società, sono soggetti tassati solo in quello stato”.

Come viene interpretato il trattato fiscale tra Francia e Italia?

Fino al 2021I francesi residenti in Italia e beneficiari di una pensione del regime previdenziale obbligatorio erano soggetti a tassazione in Francia.
Dal 2021Le autorità fiscali italiane hanno imposto ai residenti italiani che percepiscono pensioni francesi pagate nell’ambito di regimi obbligatori di pagare le tasse sulle loro pensioni francesi in aggiunta alle tasse francesi, il tutto con sanzioni e interessi. Sono oggetto di una inedita interpretazione del trattato fiscale e soprattutto dei regimi obbligatori.

READ  La magistratura chiude le indagini sulla morte di Iman Fadel

Per chiarire la situazione, molti eletti hanno inviato interrogazioni scritte e lettere al ministro delegato ai conti pubblici, come la senatrice dei francesi residenti fuori dalla Francia Evelyn Renaud Carabedian e il deputato dell’Ottavo dipartimento dei francesi all’estero Meyer Habib. .

Anche i consiglieri dei francesi residenti all’estero hanno affrontato il problema interrogando a più riprese il governo. Senza risposta si ritiene “soddisfacente”, insiste Alexandre Bezardin, consigliere dei cittadini francesi residenti all’estero (Distretto Italia settentrionale) e vicepresidente dell’Associazione dei cittadini francesi residenti all’estero. “La gravità della situazione colpisce i poveri e gli anziani”. e accusa “Totale abbandono delle autorità francesi”.

Durante la sessione di marzo 2022 dell’Associazione dei francesi residenti all’estero, Annie Rea, consigliere dei francesi residenti all’estero per la circoscrizione del Nord Italia e presidente del gruppo Solidaire et Indépendant, ha sfidato ancora una volta il governo sulla questione. Il Ministero per l’Europa e gli Affari Esteri e il Ministero dell’Economia e delle Finanze hanno risposto che “ai sensi dell’art. e la ripartizione non esclusiva della tassazione”.

In pratica, ciò significa che quando un residente di uno Stato riceve una pensione dal sistema previdenziale dell’altro Stato in cui è tassato secondo le disposizioni dell’Accordo, lo Stato di residenza del beneficiario della pensione, ai sensi con le disposizioni dell’Accordo. Le disposizioni della Convenzione, il diritto di tassarle II.

Questa norma fiscale congiunta e non esclusiva è stata attuata solo di recente. Tuttavia, il fisco italiano l’ha applicata anche retroattivamente, negli anni ancora compresi nella prescrizione di 6 anni (rispetto ai 3 anni in Francia) e di cui può ancora disporre, accompagnata anche da pesanti sanzioni per i pensionati interessati.

READ  In Italia un imbarazzante caso di spionaggio per Mosca

Annie Rea fa l’esempio di un francese residente in Italia, che percepisce una pensione francese di 25.000 euro: “Le sue tasse in Francia sono di 900 euro, in Italia di 6.000 euro, che diventano 9.000 euro con multe e interessi per ogni anno dal 2015, perché il fisco italiano ‘colpisce’ solo al massimo (6 anni) per riscuotere un massimo. Lista di 54.000 euro per bambini di 6 anni.

Verso una rinegoziazione del trattato fiscale bilaterale tra Francia e Italia?

Un problema simile si è verificato con residenti francesi in Grecia durante il 2018. a Un nuovo accordo fiscale tra Francia e Grecia L’11 maggio 2022 ad Atene per eliminare la doppia imposizione nelle imposte sul reddito. Il parlamento greco ha ratificato l’accordo il 20 ottobre. In Francia sono in corso le procedure di certificazione.
L’Associazione francese dei pensionati in Italia spera di raggiungere gli stessi obiettivi. In attesa di possibili trattative tra le autorità dei due Paesi, è stata chiesta una moratoria per gli anni 2015-2021 sulle tasse sulle pensioni francesi per i residenti italiani. Finora, nessuna risposta.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *