Pellegrini uccisi alla Mecca: l’Egitto impone sanzioni alle agenzie di viaggio per “frode”

Pellegrini uccisi alla Mecca: l’Egitto impone sanzioni alle agenzie di viaggio per “frode”

Sabato, le autorità egiziane hanno ordinato la cancellazione delle licenze di 16 compagnie turistiche e hanno deferito alla procura i loro dirigenti con l’accusa di “frode”, dopo aver trasportato illegalmente pellegrini alla Mecca nel Regno dell’Arabia Saudita.

Il primo ministro egiziano, Moustafa Madbouli, “una persona che si ritira dalle licenze di queste società, protegge le proprie responsabilità dal pubblico e si protegge dal profitto derivante dalle morti dei figli della sua famiglia dalla causa della morte”, ha detto un figlio nella sua gabinetto.

Questa decisione arriva dopo la morte di centinaia di pellegrini durante la stagione del grande Hajj che si è tenuto in Arabia Saudita a causa del caldo estremo, e più della metà di loro non aveva il permesso per questo raduno annuale.

Venerdì l’Agence France-Presse ha stimato, sulla base dei dati ufficiali e delle informazioni fornite dai diplomatici, il bilancio delle vittime in oltre 1.100 persone, più della metà delle quali provenivano dall’Egitto.

Ogni anno decine di migliaia di fedeli tentano di partecipare all’Hajj senza ottenere i necessari permessi, pagati e concessi secondo quote, che prevedono in particolare l’accesso a strutture climatizzate.

Venerdì, un alto funzionario saudita ha difeso la gestione da parte del Regno della stagione dell’Hajj, che si è ufficialmente conclusa mercoledì.

“Lo Stato non ha fallito, ma c’è stato un errore di giudizio da parte di coloro che non hanno misurato i rischi incorsi”, ha detto all’AFP questo funzionario.

Ha aggiunto che ciò è avvenuto in un contesto di condizioni meteorologiche difficili e temperature estremamente rigide.

All’inizio di giugno, l’Arabia Saudita ha annunciato che le sue forze avevano rimpatriato più di 300.000 pellegrini non registrati dalla Mecca, inclusi 153.998 stranieri che erano entrati nel Regno con visti turistici, senza passare attraverso i canali ufficiali.

READ  Vivere in albergo: una scappatoia gli impedisce di pagare l'affitto per cinque anni

Sembra però che un gran numero di pellegrini non autorizzati abbiano potuto partecipare ai riti che si svolgevano nell’arco di più giorni, in circostanze particolarmente difficili.

L’Hajj è uno dei cinque pilastri dell’Islam e ogni musulmano che è in grado di eseguire l’Hajj deve eseguirlo almeno una volta nella vita.

I permessi per partecipare all’Hajj sono assegnati ai paesi secondo un sistema di quote.

Anche per chi può permetterselo, i costi più elevati rendono il percorso fuoristrada – che costa migliaia di dollari in meno – più attraente.

“Possiamo stimare il numero di pellegrini non registrati a circa 400.000”, ha detto venerdì il funzionario saudita.

“La maggior parte di loro hanno la stessa nazionalità”, ha aggiunto il funzionario, probabilmente riferendosi all’Egitto. Diplomatici arabi hanno detto all’AFP all’inizio di questa settimana che l’Egitto aveva registrato 658 morti, inclusi 630 pellegrini non registrati.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *