Osservazione militare Gli Stati Uniti non torneranno al trattato “Cieli aperti”

(WASHINGTON) Joe Biden, che ha aderito a diversi accordi internazionali che Donald Trump ha chiuso la porta, ha deciso di non tornare al trattato “cieli aperti” per la sorveglianza militare – per mostrare la sua fermezza contro la Russia dopo diversi segni di apertura.




Francesco Fontimage
France Media

Questa decisione, che contraddice il desiderio del nuovo presidente degli Stati Uniti di cooperare con Mosca su questioni legate alla sicurezza internazionale, arriva meno di tre settimane prima del suo primo vertice con il suo omologo russo, Vladimir Putin, il 16 giugno a Ginevra.

“Gli Stati Uniti si rammaricano che il Trattato sui Cieli Aperti sia stato minato dalle violazioni della Russia”, ha detto venerdì un portavoce diplomatico statunitense. Nel concludere la revisione del Trattato, gli Stati Uniti non hanno pertanto intenzione di chiedere l’adesione ad esso, poiché la Russia non ha intrapreso alcuna iniziativa per rispettarlo nuovamente. ”

Accusando Mosca della sua violazione, l’ex presidente Trump si è ritirato dal trattato “Cieli aperti”, entrato in vigore nel 2002 con 35 firmatari, e che garantisce il diritto di condurre voli di sorveglianza per le attività militari degli Stati membri.

In cambio, anche la Russia ha denunciato il trattato. Il 19 maggio i legislatori russi hanno votato a favore di questo ritiro, ma il loro governo ha confermato ancora una volta di essere pronto a fare marcia indietro se gli americani avessero proposto una “soluzione costruttiva”.

Durante il ritiro degli Stati Uniti, Joe Biden, all’epoca candidato democratico alla Casa Bianca, ha criticato una decisione “miope” del presidente repubblicano, che ha disimpegnato gli Stati Uniti da diverse istituzioni o accordi multilaterali.

READ  Un'orda di elefanti è in viaggio che rompe tutto sul suo cammino

Pur riconoscendo le “reali preoccupazioni” sulle “violazioni” del trattato da parte della Russia, ha stimato, in un comunicato stampa del maggio 2020, che la soluzione non fosse ritrattare il testo, “ma cercare una soluzione attraverso il meccanismo di risoluzione delle controversie. ”

Joe Biden ha sostenuto che la “trasparenza che porta” era “particolarmente importante per i paesi che non hanno le proprie capacità di imaging satellitare” e che gli alleati degli Stati Uniti erano contrari al loro disimpegno. Ha avvertito che “il ritiro aumenterà la tensione tra l’Occidente e la Russia e aumenterà i rischi di errori di calcolo e conflitti”.

Caldo e freddo

Una volta al potere a gennaio, il presidente democratico si è affrettato a tornare all’accordo sul clima di Parigi o all’Organizzazione mondiale della sanità, ma ha anche avviato difficili negoziati per un accordo sull’energia nucleare iraniana.

Dall’inizio del suo mandato, ha raggiunto un compromesso con Vladimir Putin per estendere il Trattato per limitare l’arsenale nucleare a un nuovo inizio di cinque anni.

Ma quando si è trattato di Open Skies, l’amministrazione Biden è stata inizialmente tenuta segreta, prima di annunciare all’inizio di maggio di aver iniziato a rivedere il ritiro degli Stati Uniti.

Così, la decisione di chiudere definitivamente la porta al ritorno lascia New START come l’unico grande accordo di sicurezza ancora in vigore tra le due potenze nucleari.

Tuttavia, Joe Biden, in un momento in cui ha mostrato molta fermezza con la Russia con una grande quantità di sanzioni o minacce di ritorsione per attività che Mosca considera “dannose” (interferenze elettorali, attacchi informatici, dispiegamento militare sul confine ucraino o addirittura l’arresto di Mosca). L’avversario Alexei Navalny, afferma di voler trovare un terreno comune su questioni relative alla sicurezza internazionale.

READ  Camera dei rappresentanti Votazioni per organizzare "sognatori" arrivati ​​negli Stati Uniti minorenni

Ma il presidente degli Stati Uniti è stato criticato dall’opposizione repubblicana, così come dal suo campo democratico, per aver abbandonato le sanzioni critiche contro il controverso gasdotto Nord Stream 2 tra Russia e Germania. Il primo incontro tra il Segretario di Stato americano e quello russo, Anthony Blinkin e Sergey Lavrov, si è tenuto la scorsa settimana in un’atmosfera pacifica in Islanda.

Continuando a sfogarsi sulle relazioni USA-Russia, il livello più basso dalla fine della Guerra Fredda, Washington sembra intenzionata questa volta a inviare un messaggio deciso.

“Il comportamento della Russia, soprattutto le sue recenti azioni nei confronti dell’Ucraina, non è quello di un partner determinato a ricostruire la fiducia”, ha detto un portavoce diplomatico Usa per giustificare la decisione sui “cieli aperti”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *