“Oggi siamo estranei”, ha detto Leclerc dopo aver subito dei guasti nella sua monoposto.

Il pilota della Ferrari Monaco ha avuto molto successo in pista e ha accumulato molta frustrazione per i guasti tecnici della sua monoposto.

In termini di prestazioni, siamo i favoriti, ma abbiamo avuto alcuni problemi che significano che oggi non siamo più degli outsider.“: Dopo il recupero in Austria, Charles Leclerc cerca un’altra vittoria in Francia domenica, in cui credere”Ha il potenziale per recuperareMax Verstappen.

“Ho sempre mantenuto la motivazione”

In termini di prestazioni siamo i favoriti, dopo di che abbiamo avuto dei problemi, il che significa che oggi siamo più estranei che favoriti. Ma credo che, se faremo tutto alla perfezione fino alla fine della stagione, la prestazione ci sarà per poter vincere il campionato, quindi ci crederò fino alla fine“.”C’è stato sicuramente un accumulo in cinque gare: Barcellona eravamo in testa, abbiamo rotto il motore, la strategia Monaco, Baku il motore, Montreal il calcio di rigore e poi la strategia Silverstone… Un accumulo del genere, non è stato facile gestire. Ma ogni volta che eravamo in posizioni per vincere, il potenziale c’era. Ho sempre mantenuto la motivazione. Sono ancora più contento che la nostra prima gara regolare da allora l’abbiamo vinta in Austria. Sono sicuro che se non avremo altri grossi problemi potremo recuperare“.

Nonostante i tanti problemi che ha avuto in pista, Charles Leclerc ha sempre potuto fare il pieno per provare ad esibirsi al prossimo Gran Premio. Una forza personale che deriva da una vita traumatica soprattutto con la morte del padre.

È chiaramente un punto di forza. Tuttavia, non era una cosa normale per me. Ho dovuto lavorare molto, soprattutto quando ero giovane. Ho parlato molto di questo Formula Medicine Center di Viareggio quando ero più giovane, dai dieci ai quindici anni, che facevamo tanti preparativi mentali. In quegli anni sono cresciuto enormemente e questo mi ha aiutato molto per il resto della mia carriera. È vero che nelle situazioni complicate riesco a mantenere la calma e questo è importante“.”Penso di sì. Nonostante abbia ancora ventiquattro anni, ho una maturità forse diversa da quella di alcuni miei amici, visto il mio background, non solo professionale ma soprattutto di vita, con alcune vicende un po’ tristemente tristi. Ma questi sono passaggi che mi hanno fatto crescere come persona e come pilota, perché ho sviluppato un livello di maturità un po’ diverso da una vita normale.“.

READ  Il mondo degli scacchi nella tempesta della guerra in Ucraina

“Il sogno di ogni pilota è vincere un titolo con la Ferrari”.

“IOParlo già francese. Quando ho vinto in Formula 2, mi hanno messo l’inno francese (Il Rigole). Il mio più grande legame con la Francia è che per me tutto è iniziato qui nel motorsport. Ho iniziato a Brignoles, a 60 km da Le Castellet. Ogni mercoledì, sabato e domenica, quando non avevo scuola, venivo qui con i miei genitori. Ma ho anche trascorso gran parte della mia infanzia in Italia. Dopo gli inizi in Francia, ho trascorso dieci anni in Italia. Sono cresciuto con gli italiani durante la mia adolescenza, quindi sì, anche io mi sento italiano“.”naturalmente. Ha già vinto un titolo, ma di più con la Ferrari. È una squadra leggendaria, e c’è anche molta pressione che lo rende davvero complicato, ma rende i successi ancora più belli. C’è così tanta passione in tutto il mondo per la Ferrari che sì, penso che il sogno di ogni pilota sulla griglia sia quello di vincere un titolo con la Ferrari.“.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.