“Dio, scienza, prove, alba della rivoluzione”: argomento essenziale, argomenti contribuiscono al dibattito!

Tratto

Dio esiste? Dopo che la fede in poteri superiori, multipli o singolari, ha plasmato la storia degli uomini, la scienza ha cercato di giustificare il mondo e il comportamento delle stelle tanto quanto quello degli uomini. Da Galileo e Copernico, ho cercato di capire meccanismi che non dipendono più dal divino, dalla magia o da un sistema fisso. Con una migliore comprensione del mondo, delle stelle e dell’universo, la scienza ha respinto l’idea di un dio che ha progettato il mondo e ha comandato i nostri destini.

In questo saggio vastissimo, abbondantemente documentato e illustrato, Michel-Yves Bollory e Olivier Bonassis ci portano sulle tracce delle scoperte degli ultimi 150 anni, in astronomia, fisica, chimica, biologia, matematica e logica, nei dibattiti che hanno generato in filosofia, non per indicare che “Dio è morto”, ma per testimoniare che aprono nuovi argomenti, e persino indizi, sull’origine dell’universo e sul significato della vita. Questa conoscenza sembra giungere a consolidare letture storiche e simboliche della Bibbia, a testimoniare la straordinaria sorte del popolo ebraico, quindi le somiglianze proposte per il nostro ragionamento fanno convergere le osservazioni degli studiosi e il messaggio della Bibbia. “Ci sono libri sulle prove scientifiche dell’esistenza di Dio e altri sulle prove filosofiche e altri sulle prove religiose. L’unicità del nostro lavoro è che abbiamo deliberatamente presentato un panorama diverso, alternando cosmologia, filosofia, etica, storia, miracoli e storici misteri. Tale diversità è stata possibile perché le prove dell’esistenza di Dio sono così numerose che si trova effettivamente in tutti i campi”. Se il libro nega di essere un intransigente, il tono è deciso!

punto di forza

Ovviamente, leggere questo articolo è emozionante. A seconda dei tuoi interessi, potresti essere più ricettivo all’attraversare decenni di scoperte scientifiche, dal grande all’infinito, o alle “verità umanamente irraggiungibili della Bibbia”, al destino del popolo ebraico, alle ragioni dell’identità di Gesù e il potere sorprendente di diffondere il messaggio del Vangelo. Più astrazione, filosofia, logica e matematica hanno anche il loro posto nell’abbondante esposizione di argomenti che gli autori traggono con convinzione dalle molte prove.

Uno dei punti di forza di questo articolo è che ha l’aspetto di un dossier. A priori, c’è tutto, le argomentazioni, le controargomentazioni, gli autori – in gran parte premi Nobel – le fonti, le tesi, le teorie… per sviluppare un pensiero interessante e fortemente sostenuto. Può anche essere letto con ordine e caos, anche se vi invito comunque a seguire l’ordine logico, perché inizia con un piccolo capitolo interessante e utile su “Qual è l’evidenza nella scienza”.

READ  Pôle de Santé Sud a Pierrefonds: "Contribuire al riequilibrio regionale"

Nel campo piuttosto oggettivo della scienza, impariamo molto sulla comprensione graduale delle leggi dell’universo, il consenso ormai ampiamente accettato del Big Bang – un termine originariamente progettato per screditare la tesi del suo autore sulla nascita simultanea del tempo zero. della materia, del tempo e dello spazio, sull’espansione dell’universo e sulla sorprendente disposizione della materia e della vita. Le sue leggi oggi note, molto precise (“sintonizzare l’universo”), teorie recentemente chiarite da osservazioni astronomiche (la radiazione fossile del Big Bang in particolare) o microscopiche (la sorprendente singolarità, complessità e intelligenza genetica codificate) mettono in dubbio la possibilità e necessità nell’emergere della vita e della consapevolezza. Un invito a pensare libero dai dogmi materialistici, alle “prove dell’esistenza di Dio”, a una divinità o entità superiore, il Creatore dell’universo e le leggi della vita.

Anche in campo teologico gli sviluppi sono interessanti, anche se la scelta del miracolo di Fatima non porta, nonostante le tante fonti citate, la convinzione del lettore curioso che io sia.

Alcune prenotazioni

Il caso del miracolo di Fatima del 1917, in particolare, è sintomo di argomentazioni che si sono trasformate in evidenza con la forza della convinzione degli autori più che con la forza del ragionamento. In questo piccolo villaggio del Portogallo, la Vergine Maria avrebbe annunciato con tre mesi di anticipo a tre bambini, un fenomeno incredibile nel cielo e guarda caso tre o quattro segreti, compreso il salvataggio della Russia dalla sua rivoluzione fisica sovietica (è un po’ schematico ma questo è il idea). Se si può mettere in dubbio l’autenticità della seconda parte del miracolo – sebbene gli autori affermino che la parola della Vergine abbia effettivamente avuto i suoi effetti con la caduta del muro di Berlino – la prima parte è stata fortemente sostenuta, e questo fenomeno è stato osservato da migliaia di persone. Tuttavia, come il capitolo su questo miracolo, l’accumulo di estratti di giornali, o citazioni legate a un ragionamento perfettamente logico, non basta a sostenere la convinzione, anche se quello che vi accadde in un particolare giorno dell’ottobre 1917 fu chiaramente straordinario. .

READ  Secondo la scienza, questi sintomi comuni durante il ciclo dovrebbero preoccuparti

Un altro esempio, il rapporto tra la vittoria (inizialmente improbabile) dell’esercito israeliano durante la Guerra dei Sei Giorni del 1967 e la creazione del mondo in 6 giorni secondo la Bibbia, probabilmente non raggiungerà il consenso.

un’altra parola…

Possiamo “provare” l’esistenza di Dio? No, né un suffisso per queste 577 pagine, fortunatamente no. D’altra parte, sì, questo articolo fa argomentazioni inquietanti. Poco convincente, arricchirà gli appassionati di scienza e coloro che sono curiosi delle origini della vita. È ben costruito, ben documentato, ben scritto e talvolta un po’ complicato, e attesta il desiderio di rigore, completezza e pedagogia per essere precisi attraverso la franca convinzione degli autori che Dio esiste. Dobbiamo ammettere che le leggi dell’universo e della vita sono così precise che la loro variabile 10-30 (dieci a meno trenta) dopo la virgola nella composizione della materia, atomi e molecole avrebbero reso sterile l’universo, o semplicemente non ne avrebbero permesso l’esistenza. La stupefacente improbabilità dell’emergere dell’universo e la vita di una “zuppa primordiale” consegnata a caso da un mondo che non ha inizio né fine è certamente un argomento, ma non una prova.

Tuttavia, con l’aiuto di un team di oltre 20 ricercatori e scienziati mobilitato per tre anni, Michel-Yves Bollory e Olivier Bonassi contribuiscono a dimostrare che nichilismo e materialismo non sono le uniche letture possibili dell’universo, del destino degli uomini, o un “senso della storia”. Quindi, se l’universo avesse un inizio, come potrebbe apparire e organizzarsi secondo le leggi che l’uomo risolve a poco a poco?

A proposito di queste grandi domande esistenziali e senza una risposta formale, probabilmente ti relazioni con interesse Mondi altroveE il Articolo pubblicato a maggio 2021 dall’astrofisico Trinh Xuan Thuan

Frase

Senza escludere nulla dall’interesse della penna degli autori, questo articolo è stato alimentato da numerose citazioni, nel testo (circa 300), in fondo alla pagina (559!), di importanti studiosi, filosofi, teologi e personaggi politici. e giornalisti. Due esempi:

Anche il fisico Paul Davies, professore all’Arizona State University, riconosce il suo gene:Appartengo al numero di quegli studiosi che non appartengono a una religione tradizionale ma che rifiutano di credere che l’universo sia un incidente. L’universo fisico è stato organizzato così ingegnosamente che non posso accettare questa creazione come una realtà grezza. Ci deve essere, a mio parere, un livello di spiegazione più profondo. Che lo chiamiamo “Dio” è una questione di gusti e di definizione. pagina 177

READ  Al suono dei tamburi, i gorilla valutano la loro forza | Scienza | Notizie | il Sole

“Tutte queste affermazioni sono in accordo con quelle fatte da molti altri ricercatori e scienziati. Sono direttamente dipendenti da nuove scoperte e portano quindi a conclusioni chiare e semplici. Ma possiamo andare un po’ oltre, con l’astronomo americano Robert Wilson, premio Nobel 1978 per aver scoperto nel 1964 la prima luce dell’universo:Dev’esserci stato qualcosa che ha sistemato tutto. Secondo me, se sei religioso, secondo le tradizioni ebraiche e cristiane, non c’è teoria migliore dell’origine dell’universo che possa adattarsi a questo punto nella Genesi. pagina 201

“I fautori di un universo puramente fisico desiderano una storia del mondo e dell’umanità che sia coerente, razionale e libera da ogni miracolo divino. Tuttavia, lo straordinario destino del popolo ebraico si rivela un grosso ostacolo a quel desiderio di razionalità, perché è una grande anomalia, la “grandezza” dell’universo Il materialista, una spina nel fianco degli storici Qui, infatti, c’è un popolo, piccolo e un po’ indigente, che ha monopolizzato, spesso per la più grande disgrazia, un un gran numero di superlativi il cui destino pone una grave sfida a qualsiasi tentativo di scrivere un resoconto razionale della storia. Ed è per questo che la nostra attenzione.” pag 416

autore

Michel Yves Bollor È il fratello maggiore di Vincent Bollory, il leader del gruppo omonimo. Ingegnere in formazione, dirigente d’azienda, membro dell’organizzazione cattolica Opus Dei (che non ha nulla a che fare con il nome e la setta che Dan Brown ha stigmatizzato nel famoso romanzo) Il codice da Vinci), ed è ora Direttore di Companies and Institutions of Higher Education a Londra.

Olivier Bonacez È un laureato: Politecnico, Istituto HEC, Laurea in Teologia! Come imprenditore, è anche autore di una ventina di libri, video, sceneggiature, articoli, newsletter e un aggregatore di contenuti online su argomenti spesso associati alla razionalità della fede.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.