Nove corpi di civili trovati a Borodianka, alcuni con “segni di tortura”

I corpi di nove civili sono stati trovati mercoledì a Borodianka vicino a Kiev, alcuni dei quali mostravano “segni di tortura”, ha detto la polizia nella capitale ucraina da mercoledì sera a giovedì.

• Leggi anche: diretto | Il 58° giorno di combattimenti in Ucraina

“Queste persone sono state uccise dagli occupanti (russi) e alcune delle vittime hanno mostrato segni di tortura”, ha detto su Facebook il capo della polizia locale Andrei Nebitov.

La città di Borodianka, secondo Kiev, è stata testimone di “massacri contro civili” durante il mese di marzo, quando le forze russe hanno occupato la città.

“In una buca c’erano due uomini di 35 anni e una ragazza di 15 accanto a loro”, ha detto Nebitov.

Prima di aggiungere: “In un altro la polizia ha trovato i corpi di sei persone: quattro uomini e due donne” “che possono essere identificate come residenti della città”.

“L’esercito russo ha deliberatamente ucciso civili che non hanno mostrato resistenza”, ha detto, aggiungendo che i corpi delle vittime “sono stati portati agli obitori nella regione di Kiev per essere valutati”.

Secondo Nebitov, scienziati forensi e investigatori hanno perquisito le due tombe.

Ha osservato che “la polizia nella regione di Kiev continua a indagare” sui crimini civili che l’Ucraina attribuisce ai russi.

Dal ritiro delle truppe da Mosca tre settimane fa dalla regione di Kiev, le autorità ucraine hanno trovato centinaia di cadaveri di civili, che, insieme agli occidentali, denunciano i “crimini di guerra” dei soldati russi che hanno occupato la città. Un’accusa ufficialmente respinta dalla Russia.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.