Multilateralismo | Mosca si oppone all’approccio americano ed europeo

(Nazioni Unite) Il capo della diplomazia russa, Sergei Lavrov, venerdì ha condannato gli approcci americani ed europei al multilateralismo che, secondo lui, rischiano di creare nuove “crepe”, invitando gli Stati Uniti da parte loro a combattere quelli che “minano l’ordine internazionale “violando” le sue regole.


Philip RATER
France Media

Il ministro russo ha affermato durante una videoconferenza del Consiglio di sicurezza a livello ministeriale, organizzata dal suo omologo cinese Wang Yi, che lo sviluppo del multilateralismo è “un lavoro che deve essere svolto su base collettiva”.

Ma “recentemente abbiamo assistito a tentativi di stabilire un ordine internazionale. […] Per far rispettare tutte le nuove regole stabilite in organismi non esaustivi “.

In questo contesto, l’amministrazione statunitense desidera organizzare un “vertice delle democrazie”. “Ma questo rischia di rendere le relazioni internazionali più tese e di esporre linee di divisione nel mondo quando abbiamo bisogno di un obiettivo unificato e comune”, ha detto Sergey Lavrov.

Il ministro russo ha detto sarcastico: “Certo, gli Stati Uniti stileranno un elenco dei paesi invitati a questo vertice”.

Washington non ha ancora specificato alcuna data o precisione sulla forma di questa idea del presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Senza menzionare la Russia o la Cina per nome, il Segretario di Stato americano Anthony Blinken aveva precedentemente affermato che Washington avrebbe continuato a “opporsi con forza agli stati che minano l’ordine internazionale” affermando che “le regole che tutti adottano” non esistono “o” violando indifferentemente loro. ”

‘Assegno in bianco’

Il funzionario statunitense ha sottolineato che “alcuni credono che i governi possano fare quello che vogliono nei loro paesi e che i diritti umani siano valori soggettivi che differiscono da una società all’altra”. Ma “l’affermazione della giurisdizione nazionale non dà a nessun paese un assegno in bianco per schiavitù, tortura, scomparsa, pulizia etnica o violazione dei loro diritti umani”, ha specificato, in un riferimento implicito all’oppressione che prende di mira gli uiguri in Cina.

READ  At least 34 people are killed in the Indonesia earthquake, which collapses homes and buildings

Anthony Blinken ha anche attaccato gli stati che si liberano dalla “eguale sovranità” degli stati riconosciuti nella Carta delle Nazioni Unite, ascoltando il “ridisegno dei confini di un altro paese”, un segnale che sembra prendere di mira la Russia e la cattura della Crimea dall’Ucraina.

Foto di Chris J. Ratcliffe, Reuters

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken

“La creazione di un’alleanza per il pluralismo su iniziativa di Germania e Francia può sembrare naturale. Ma Berlino e Parigi hanno altre idee, che vogliono pubblicare documenti in modo che l’Unione europea sia la pietra angolare del sistema multilaterale”, ha denunciato Sergey Lavrov. “È un modo per imporre la sua esclusività a dispetto dell’uguaglianza degli Stati”, ha protestato.

Creare “stretti partenariati su questioni già discusse in seno alle Nazioni Unite o organismi specializzati”, come l’appello al rispetto del diritto umanitario firmato da 43 paesi o l’appello a sostenere la libertà di movimento. Questo termine beneficia di una trentina di paesi. I due siti, “la prova di una certa polarità in Occidente”, ha detto.

Alla fine del suo discorso, il ministro russo ha insistito con gratitudine sul fatto che “non vediamo il mondo multilaterale come un modo per lavorare insieme per prendere decisioni collettive. Piuttosto, lo vediamo come un modo per imporre le sue regole agli altri”. Da Wang Yi.

Il ministro cinese ha sottolineato in precedenza che “dividere il mondo in campi ideologici è incompatibile con il pluralismo”. Senza citare gli Stati Uniti, ha detto che i membri delle Nazioni Unite dovrebbero “lottare per l’uguaglianza e la giustizia, non per l’egemonia”.

“Dobbiamo concentrarci sull’azione, non sulla retorica”, ha aggiunto il ministro cinese, chiedendo “che il sistema di governance globale sia più giusto ed equo”.

READ  L'esercito americano ammette di aver ucciso 23 civili nel 2020 in tutto il mondo

Per quanto riguarda l’impegno della Cina, ha accolto con favore il fatto che il suo paese, che è già il secondo più grande contributore finanziario delle Nazioni Unite dopo Washington, sia diventato il più grande contributore alle forze di pace (2.464 su quasi 100.000 sparsi in tutto il mondo) tra i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *