Multa di 2,5 miliardi di euro per una miniera d’oro canadese

Una gigantesca miniera d’oro che fornisce oltre il 10% del PIL del Kirghizistan è stata multata di 2,5 miliardi di euro per violazioni ambientali, una decisione che è stata contestata dalla società canadese che gestisce la miniera.

Leggi anche: Lavora nel Nunavut per superare la crisi

“Secondo la decisione del tribunale Oktyabrsky di Bishkek il 7 maggio, la società Comtor Gold è stata decisa a richiedere una somma di 261,7 miliardi (2,53 miliardi di euro)”, ha detto ad AFP un portavoce del tribunale.

L’azienda, di proprietà del gruppo canadese Centerra Gold, è accusata da anni di immagazzinare rifiuti su due ghiacciai che circondano la miniera.

Questa condanna è arrivata all’indomani dell’approvazione da parte del parlamento kirghiso di una legge che autorizza il governo di questo Paese dell’Asia centrale a imporre la “gestione esterna” alle società straniere che operano in concessione, come nel caso di Centerra, e che violano l’ambiente.

Perché la legge entri in vigore, la legge deve ora essere firmata dal nuovo presidente del Kirghizistan Sadr Jabarov, un vecchio oppositore del Centra.

In un comunicato, il gruppo canadese è rimasto sorpreso dalla vicinanza di queste due decisioni, rilevando che la legge “ha approvato tre letture ed è stata adottata in un giorno” dal Parlamento.

Centerra ajoute que «le performance ambientali della miniera non sono conformi alle norme internazionali» et que les faits reprochés remontent à plusieurs années, alors qu’un accord de 2009 l’exonérait de poursuites pour «dommages prétendument causés à l’environnement» avant questo appuntamento.

E aggiunge il gruppo canadese: “L’azienda quindi è del tutto convinta che le accuse (…) siano del tutto infondate”.

READ  I repubblicani sono a un bivio

Principale contributore al bilancio del Kirghizistan, la miniera di Komtor dà lavoro a 4.000 persone e nel 2020, secondo i suoi dati, rappresenta il 12,5% del PIL del Paese.

Tra le richieste di nazionalizzazione, ha rapporti di lunga data con lo stato del Kirghizistan e negli ultimi anni sono scoppiati disordini intorno alla miniera in diverse occasioni.

Alla Borsa di Toronto, le azioni Centra sono crollate, perdendo il 29,8% venerdì dopo che la legge è stata approvata dal parlamento kirghiso.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *