[Mot de l’info] Perché Radio Canada chiude la sua sede di Pechino

[Mot de l’info] Perché Radio Canada chiude la sua sede di Pechino

la nostra missione

Raccontarti dell’evoluzione del mondo attraverso gli occhi dei nostri giornalisti e inviati speciali è una priorità nella nostra missione di servizio pubblico.

È nostra responsabilità e allo stesso tempo un privilegio per noi essere sul campo, dove si giocano questi temi, permettendoci di incontrare i cittadini e gettare una luce davvero unica.

Inoltre, gli ultimi anni sono stati molto difficili sotto molti aspetti. Una pandemia i cui echi si fanno ancora sentire, società in profondo cambiamento, regimi totalitari in stato di completa agitazione, turbolenze climatiche, nuove guerre e altro, quasi cronico.

Da Hong Kong a Kabul, da Stoccolma a Mumbai, dal deserto del Nevada a Rio, da Nairobi a Kiev, siamo lì per fare il meglio del giornalismo.

È così che, dallo scorso gennaio, abbiamo schierato i nostri team in 36 paesi, sempre con l’obiettivo di spiegare e contestualizzare.

Abbiamo impegnato risorse molto significative per coprire la guerra in Ucraina fin dai suoi primi giorni, inviando 15 squadre avanti e indietro in quel paese e in tutta la regione. Continueremo a farlo.

Parigi e Washington

I nostri uffici all’estero sono la pietra angolare della ricchezza della nostra offerta. Stabilito in posizioni strategiche per il pubblico canadese, fornisce l’ancoraggio quotidiano in aree di influenza che devono essere coperte giorno dopo giorno.

In Europa, Radio Canada ha un ufficio a Parigi, mentre CBC ha sede a Londra. Negli ultimi mesi, i nostri giornalisti hanno seguito questioni chiave come le ricadute della guerra e della crisi energetica in Ucraina, la morte della regina e l’instabilità al timone del Regno Unito, o l’arrivo dell’estrema destra al suo timone. per il governo italiano.

A Washington, l’ufficio della CBC/Radio-Canada è al lavoro per occuparsi della politica statunitense, con le elezioni di medio termine di novembre, ei cambiamenti sociali e ambientali in questo paese.

READ  In Malesia, un incidente in metropolitana a Kuala Lumpur ha ferito più di 200 persone

Il ritiro di grandi player come Russia e Cina ci sta costringendo a ripensare il nostro modo di coprire la scena internazionale.

Mosca

Il 18 maggio 2022 siamo stati profondamente scossi dalla decisione delle autorità russe Per chiudere il nostro ufficio e cancellare i crediti e i visti per il nostro team di stampaCosì siamo stati espulsi dal territorio.

Radio Canada e CBC sono presenti da 44 anni con i nostri corrispondenti locali e il personale. Le autorità russe hanno protestato misure di ritorsione preso in risposta a Azione canadeseignorando così la distinzione tra il lavoro del governo canadese e la società di stampa indipendente, Radio Canada.

Per quanto ne sappiamo, questa è la prima volta che uno dei nostri uffici viene espulso da un Paese in questo modo. E l’unica persona finora che ha subito una simile chiusura da parte di tutti i media stranieri che ha una presenza a Mosca.

Dopo la chiusura degli uffici imposta da Mosca, la nostra corrispondente Tamara Altrescu ha cercato di coprire la Russia a distanza e dai paesi vicini.

Di fronte a questa situazione, stiamo valutando varie possibilità di rimanere alla periferia della Russia, in particolare l’apertura di un ufficio temporaneo in un paese vicino per coprire le questioni regionali e la sua sfera di influenza.

Pechino e Taiwan

Un altro obiettivo importante della nostra copertura è la Cina, che copriamo anche attraverso gli occhi di Radio Canada e dei giornalisti della CBC da 40 anni.

Sfortunatamente, dalla nomina del nostro nuovo corrispondente in Asia, Philippe LeBlanc, e dalla sua domanda di visto nell’ottobre 2020, tutti i nostri tentativi di convincerlo a stabilirsi lì non hanno avuto successo.

READ  A Tokyo, i disertori nordcoreani chiedono responsabilità a Kim Jong Un

Gli incontri con il Console di Montreal e le fasi successive si conclusero senza successo. Solo la nostra presenza durante le Olimpiadi dell’inverno scorso a Pechino ce lo ha permesso. Questo è all’interno di un quadro molto rigoroso.

Ad aprile, Brody Fenlon e il chief information officer di Radio Canada, Brody Fenlon e Los Julian, hanno scritto all’ambasciatore cinese in Canada, Kong Pyo, chiedendo nuovamente un visto per Philippe LeBlanc a Pechino. Gli abbiamo detto dell’importanza storica dei nostri paesi e dell’impossibilità di continuare a mantenere un ufficio come questo se non potessimo esserci. Da allora abbiamo avuto una semplice ricevuta di ritorno.

Abbiamo deciso a malincuore di chiudere il nostro ufficio. Purtroppo Radio Canada non è l’unica ad affrontare grandi difficoltà nella sua missione giornalistica in Cina. Storicamente, le relazioni tra i media stranieri e il governo cinese sono state complesse. Sono diventati particolarmente nervosi negli ultimi anni.

Come molti altri media, continueremo a coprire le notizie di questa vasta area, ma lo faremo d’ora in poi da Taiwan. Philippe LeBlanc vi risiederà per i prossimi due anni.

È significativo che quest’isola di 24 milioni di persone situata nel cuore di questa regione del mondo sarà uno dei punti critici con la Cina nei prossimi anni.

Come i nostri colleghi della CBC, speriamo che un giorno la Cina si apra ai nostri giornalisti, così come speriamo si aprano le autorità russe al nostro trasferimento a Mosca.

Quindi, con questa nuova configurazione della nostra copertura internazionale, continueremo a coprire il più possibile, sul campo, facendo avanzare un mondo in costante sviluppo. Premere percorso ad ostacoli fisso. La nostra priorità in ogni momento rimane quella di rispettare la nostra missione nei tuoi confronti, che è fornirti informazioni internazionali il più vicino possibile a te.

READ  Un altro generale russo ucciso in Ucraina

Luce Julien è Managing Director di News di Radio Canada

Jeannette Vince è Senior Director di programmazione, notizie, attualità ed editoria di Radio Canada

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.