Transalpina: l’Italia preme sulla Francia

——————– PUBBLICITÀ ——————–

Attraverso la voce di Matteo Salvini, nuovo ministro dei Trasporti, l’Italia sta esercitando pressioni sulla Francia affinché la pratica Lione-Torino avanzi per non mettere a repentaglio importanti finanziamenti europei.

Il Comitato di collegamento europeo transalpino riferisce che a meno di una settimana dalla nomina a ministro dei Trasporti nel nuovo governo italiano, Matteo Salvini ha avuto un colloquio telefonico il 28 ottobre con il suo omologo francese Clément Beaune. Secondo il comunicato ufficiale del governo transalpino, l’obiettivo era quello di ” rafforzare la collaborazione tra Roma e Parigi e fare il punto su alcune questioni strategiche Così il nuovo ministro sembra seguire le orme del predecessore Enrico Giovannini che, pochi giorni prima della partenza del governo di Mario Draghi, ha indicato, secondo i commenti riportati da La Repubblica: “ La nostra scelta è chiaramente quella di andare avanti con Lione-Torino. Adesso tocca anche al governo francese fare la sua parte perché ci sono dei ritardi “.

Una richiesta pressante
Durante lo scambio con Clément Beaune, Matteo Savini ha confermato l’intenzione di recarsi presto nel cantiere della galleria di base per “verificare lo stato di avanzamento dei lavori”. Soprattutto, ha ribadito che sarà necessario uno sforzo comune per concretizzare il promesso cofinanziamento europeo “. Una dichiarazione che invita la Francia a prendere finalmente una decisione e a rispettare i suoi impegni in merito alla costruzione delle strade di accesso da Lione all’ingresso del tunnel sotto le Alpi in Savoia. Una desincronizzazione che spinge sempre più avanti gli obiettivi di un massiccio trasferimento modale di traffico stradale su rotaia mentre è indiscutibile che la storica linea ereditata da Napoleone III non riesca ad incontrarli.

READ  Turismo. A Pasqua scopri i laghi più belli del Nord Italia

sarà necessario uno sforzo congiunto per concretizzare il promesso cofinanziamento europeo “. Matteo Savini

Italia e Ue ancora in attesa di una decisione francese
Nel breve termine, il ritardo francese mette a repentaglio soprattutto la possibilità per i due Paesi di beneficiare di importanti finanziamenti europei. Un rischio che preoccupa sempre più l’Italia. Atteso da diversi mesi, è ora annunciato per la fine dell’anno l’arbitrato definitivo di Parigi sulla scelta del percorso prioritario della sezione francese. La registrazione dei crediti necessari per gli studi di perfezionamento tecnico della sezione francese sarà esaminata dall’Italia, dalla Commissione Europea e da tutti gli attori dei territori interessati.

Un nuovo bando per progetti
Sebbene l’impegno dell’Europa su questo tema sia impeccabile, gli ultimi scambi tra Sandrine Chinzt, direttrice ad interim della direzione generale delle Infrastrutture, dei trasporti e della mobilità (DGITM) e Herald Ruijters, direttore degli investimenti nei trasporti presso la Commissione di Bruxelles, hanno illustrato ancora una volta l’urgenza di rafforzare il coordinamento tra le amministrazioni ei poteri politici francesi, italiani ed europei. Un punto cruciale ampiamente documentato nell’ultimo studio pubblicato dal Comitato per la Transalpina. La scadenza per il nuovo bando di Bruxelles sulle infrastrutture di trasporto è fissata per il 18 gennaio 2023. L’opportunità per la Francia di presentare una domanda di sovvenzione per l’accesso francese e di misurare la forza dell’impegno europeo che, fino ad ora, ha mai fallito nella Lione-Torino.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.