Mosca afferma che gli americani arrestati in Ucraina hanno commesso “crimini”

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha dichiarato lunedì in un’intervista a NBC News che due americani catturati in Ucraina mentre combattevano con le forze armate a Kiev hanno “messo in pericolo” i soldati russi e dovrebbero “essere ritenuti responsabili di questi crimini”.

• Leggi anche: diretto | Il diciassettesimo giorno della guerra in Ucraina

• Leggi anche: Il premio Nobel russo ha venduto oltre 100 milioni di dollari a bambini ucraini

• Leggi anche: Mosca accusa Kiev di aver sparato su impianti di perforazione offshore

Questo è il primo commento del Cremlino sul caso di questi due ex soldati americani, Alexander Drewic e Andy Huynh, secondo la NBC.

“Sono mercenari e sono stati coinvolti in attività illegali sul territorio dell’Ucraina”, ha detto in inglese Dmitry Peskov. “Sono stati coinvolti in sparatorie e bombardamenti” di soldati russi “mettendo in pericolo la loro vita”, ha aggiunto.

“Devono essere ritenuti responsabili dei crimini che hanno commesso”, ha aggiunto un portavoce del Cremlino. Questi crimini devono essere indagati”.

In risposta a una domanda sulla natura dei crimini attribuiti agli americani, Dmitry Peskov ha ammesso che le caratteristiche dei loro crimini non erano ancora note, sottolineando che non erano contemplate dalle Convenzioni di Ginevra sui prigionieri di guerra.

Ha detto che i due uomini “non fanno parte dell’esercito ucraino e quindi non sono soggetti alle Convenzioni di Ginevra”.

La scorsa settimana, la televisione pubblica russa ha pubblicato sui social media i video di Alexander Drake e Andy Huynh.

Non sono chiare le condizioni di detenzione dei due ex soldati e chi li sta trattenendo. Il signor Peskov ha detto solo che sono nelle mani delle “autorità”.

READ  Gli immigrati canadesi chiedono lo status permanente per tutti

E sul fatto che dovranno affrontare la pena di morte, il portavoce russo ha detto: “Dipende dalle indagini”.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato venerdì di non sapere dove si trovassero i due uomini che si sarebbero uniti ad altri combattenti stranieri volontari a fianco dell’esercito ucraino.

Sabato, un portavoce del Dipartimento di Stato ha confermato di aver visto foto e video di cittadini statunitensi “presumibilmente catturati in Ucraina dalle forze militari russe”. “Stiamo monitorando da vicino la situazione”, ha detto all’AFP.

Alla domanda sulla detenzione della star del basket americano Britney Grenier in Russia per trasporto di droga, Peskov ha respinto l’idea che fosse tenuta in ostaggio: “Non possiamo considerarla un ostaggio. Perché la chiamiamo ostaggio? Ha infranto la legge russa ed è ora sotto processo”.

Britney Greiner è stata arrestata all’aeroporto di Mosca a febbraio dopo aver “svapato” e uno “strano odore liquido” di olio di cannabis è stato trovato nella sua borsetta, secondo il Servizio doganale federale russo. Rischia fino a 10 anni di carcere.

A maggio, Washington ha affermato che la Russia teneva il giocatore di basket “ingiustamente”. Il suo caso è ora nelle mani dell’inviato speciale degli Stati Uniti responsabile delle persone prese in ostaggio, dalla parte degli Stati Uniti. Un tribunale vicino a Mosca ha prolungato la sua detenzione fino al 2 luglio.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.