Pianificazione successoria: il patto di famiglia in Italia

Di Luca Membri | Inserito il 21/06/2022 alle 00:13 | Aggiornato il 21/06/2022 alle 00:13

Il patto di famiglia consente all’imprenditore di gestire il passaggio generazionale della propria attività trasferendo l’azienda o le quote a uno o più discendenti. Istruzioni per l’uso del processo in Italia, che mira principalmente a garantire la sostenibilità dell’azienda interessata.

Come funziona il patto di famiglia in Italia?

Il patto di famiglia deve essere stipulato con atto autentico davanti a un notaio a pena di nullità ea tutti coloro che sarebbero legittimati se vi dovesse partecipare la successione dell’imprenditore in quel momento aperta.
In tal caso, i beneficiari devono corrispondere ai legittimi non beneficiari (salvo la possibilità di rinuncia totale o parziale di questi ultimi) mediante il pagamento di somme di denaro corrispondenti al valore delle azioni riservate ai legittimati. Tali somme «sono compensate con le azioni legittime cui spettano», vale a dire che devono essere considerate come un anticipo su eredità futura.

In ogni caso, tutte le attribuzioni oggetto del patto di famiglia, al momento dell’apertura della successione del defunto, non possono più essere oggetto né di un’azione riduttiva né di un obbligo di raccolta da chiunque, nemmeno dal nuovo legittimato che nel frattempo sarebbe apparso.

Quest’ultimo può richiedere ai beneficiari del contratto solo il pagamento della somma legale maggiorata degli interessi legali. L’obiettivo del patto di famiglia non è solo quello di programmare per tempo il passaggio tra le generazioni, ma soprattutto di garantire la futura redditività delle imprese prevenendo lo scioglimento delle società o delle partecipazioni dopo la morte del titolare.

READ  La preoccupazione degli ucraini in Italia per le minacce di guerra con la Russia

Un altro obiettivo del patto di famiglia è quello di evitare il trasferimento del patrimonio aziendale a persone che non sono in grado di garantire la continuità della gestione dell’impresa.
L’importanza di questo strumento risiede nel fatto che esso costituisce una deroga al divieto di patti successori (art. 458 c.c.), che sancisce l’inefficacia di tutti i patti che dispongono di diritti di successione per una successione non ancora aperta .

I vantaggi del patto di famiglia

I patti di famiglia beneficiano di una tassazione agevolata in termini di imposte indirette, ed in particolare in termini di successione e donazione, anche se effettuati tramite patti di famiglia, i trasferimenti:

  • società o rami di società;
  • azioni;
  • delle azioni sociali.

Le condizioni di esenzione sono le seguenti:

  • il beneficiario del trasferimento è un discendente del cedente;
  • se oggetto del conferimento è una partecipazione in una società, il conferimento deve consentire al cessionario di acquisire o integrare il “controllo” della società;
  • i beneficiari del trasferimento continuano ad esercitare l’attività oa detenere il controllo della società le cui azioni sono state trasferite per un periodo di almeno 5 anni dalla data del trasferimento.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.