McCarthy è stato eletto “presidente” al Congresso degli Stati Uniti, ma è stato indebolito dalla fionda dei repubblicani

Kevin McCarthy è finalmente entrato a far parte della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti sabato dopo un estenuante processo segnato da tensioni estremamente elevate tra i repubblicani che stanno ammorbidendo la loro opposizione al presidente democratico Joe Biden.

• Leggi anche: Kevin McCarthy ha finalmente vinto la presidenza dopo 15 turni di votazioni

• Leggi anche: Congresso Usa senza presidente: “È assolutamente triste”, lamenta un esperto

• Leggi anche: La sessione di votazione è stata aggiornata alle 22:00 alla Camera dei Rappresentanti

Dopo quattro giorni di caos senza precedenti al Congresso, il gruppo di trumpisti che ha storpiato la candidatura del cinquantenne californiano si è finalmente arreso.

Ma le scene di caos che hanno caratterizzato la bicicletta – le grida, le urla, le dita puntate – hanno rappresentato dibattiti molto accesi al Congresso per i due anni successivi.

Nel menu dei prossimi mesi ci sono i negoziati sull’innalzamento del tetto del debito pubblico degli Stati Uniti, il finanziamento dello Stato federale e, eventualmente, il lancio di ulteriori dotazioni per la guerra in Ucraina.

Congratulandosi con Kevin McCarthy a mezzanotte di sabato, Joe Biden lo ha immediatamente invitato a “governare in modo responsabile e nell’interesse degli americani”.

Non riuscendo a controllare entrambe le camere – come è avvenuto dal suo insediamento nel gennaio 2021, nonostante abbia una maggioranza molto risicata al Senato – il presidente degli Stati Uniti non può più sperare di approvare una legislazione importante.

Quindi ha seppellito le sue grandi promesse con una legge federale che sanciva il diritto all’aborto, un divieto dei fucili d’assalto o una radicale riforma elettorale per proteggere l’accesso delle minoranze al voto.

READ  Incendio a bordo di un traghetto indonesiano: 274 persone salvate, 1 disperso

Ma con il Senato nelle mani dei Democratici, anche i Repubblicani non saranno in grado di portare alla luce le misure approvate sotto Joe Biden che avevano promesso di affrontare.

Con il loro nuovo controllo della Camera dei rappresentanti, i repubblicani hanno promesso di avviare una serie di indagini sulla gestione della pandemia o sul ritiro dall’Afghanistan da parte di Joe Biden.

“È ora di esercitare il controllo sulla politica del presidente”, ha detto Kevin McCarthy del Bloodhorse dopo aver prestato giuramento e aver sostituito la democratica Nancy Pelosi nella carica.

Ma ora che le loro divisioni sono esposte alla luce del giorno, le loro indagini avranno la stessa risonanza?

Affrontare una Camera ostile ma caotica potrebbe essere un vantaggio politico per Joe Biden, se conferma la sua intenzione di candidarsi di nuovo nel 2024, una decisione che dovrebbe annunciare all’inizio di quest’anno.

Il blocco orchestrato da un gruppo di trumpisti è “vergognoso”, giudica il politologo Larry Sabato, credendo che McCarthy sia il “presidente” più debole mai eletto dai tempi della guerra civile.

Per tutta la settimana questo nucleo duro di funzionari eletti ultraconservatori, che accusano Kevin McCarthy di servire gli interessi dell’establishment di Washington, ha attinto alla sottilissima maggioranza repubblicana che ha vinto le elezioni di metà mandato di novembre per fare lo spoiler.

Hanno alleggerito le pressioni solo dopo che sono state ottenute garanzie sostanziali, tra cui un provvedimento specificamente volto a facilitare l’espulsione dell'”oratore”.

Ma non senza un’ultima fossa. E quattro eletti tenuti con il fiato sospeso fino alla fine di venerdì sera, provocando liti in bici.

READ  Stupidità, americani e la guerra civile

Alla fine è stato l’intervento di Donald Trump che avrebbe reso possibile la cattura di questi piantagrane.

E Kevin McCarthy ha sottolineato sabato durante una conferenza stampa che l’ex presidente ha avuto un ruolo decisivo nella “raccolta degli ultimi voti” necessari per la sua elezione.

Un’occasione per il partito di Joe Biden per denunciare la morsa di Donald Trump e del suo entourage sul Partito Repubblicano, due anni dopo l’attacco al Campidoglio, che ha provocato un altro tipo di caos nel Congresso Usa.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.