Malattia di Lyme: proteggiti dalle zecche

In questo anno epidemico, il ritorno del caldo ci spinge a trascorrere molto tempo all’aria aperta, che si tratti di gite con gli amici, campeggio con la famiglia o escursioni nei boschi. Ma poiché le zecche sono presenti, è necessaria la vigilanza per evitare di contrarre la malattia di Lyme.

Ogni anno centinaia di Quebec si ammalano. Trasmessa all’uomo da una zecca infetta, la malattia di Lyme può causare arrossamento della pelle, mal di testa, febbre, affaticamento e dolori muscolari e articolari. Può portare a gravi conseguenze come l’artrite o danni al sistema nervoso se non trattata in tempo.

Facile da prevenire

La buona notizia è che ci sono alcune semplici precauzioni che puoi prendere per prevenire questa malattia:

Durante un’attività all’aperto, dovresti:

  • Mantenersi su sentieri ben conservati per evitare il contatto con le zecche, che di solito si trovano nell’erba alta e negli arbusti;

  • Applicare un repellente per zanzare sulla pelle (contenente DEET o icardina) secondo le raccomandazioni del produttore o indossare indumenti che coprano la pelle quando la temperatura lo consente;

  • Esaminare lei, i bambini e gli animali domestici quando torna a casa per identificare e rimuovere le zecche che potrebbero essere attaccate alla pelle. Per vedere come farlo, vedere questo collegamento: https://www.quebec.ca/sante/conseils-et-prevention/sante-et-environnement/retrait-dune-tique-en-cas-de-piqure

  • Il rischio di sviluppare la malattia aumenta quando la zecca rimane attaccata alla pelle per più di 24 ore.

La malattia di Lyme viene trattata con un comune antibiotico. Il trattamento è molto efficace se assunto rapidamente.

Zecche molto presenti

Negli ultimi anni, i farmacisti di comunità sono stati in grado di somministrare una terapia antibiotica profilattica in alcuni casi specifici. Per ricevere questo antibiotico, una persona deve essere stata morsa da una zecca in un’area in cui è stata ripetutamente infettata. Il segno di spunta dovrebbe rimanere attaccato alla pelle per più di 24 ore.

READ  La scienza spiega gli effetti molecolari della caffeina sul cervello

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.