L’UE sospende le esercitazioni militari dopo il massacro di Mora

Per non perdere nessuna notizia africana, Sottoscrizione alla Newsletter “Il mondo africano” da questo link. Ogni sabato alle 6 del mattino, trovi una settimana di notizie e discussioni trattate dalla redazione all’indirizzo “Il mondo africano”.

Soldati maliani durante una sessione di addestramento con un soldato della missione di addestramento dell'Unione europea, a Camp Sévari, vicino a Mopti, in Mali, nel marzo 2021.

L’Unione europea cerca da mesi di trovare una soluzione per mantenere una certa presenza in Mali, nonostante la decisione delle autorità nazionali di invitare il gruppo paramilitare russo Wagner, arrivato nel Paese a fine dicembre.

La squadra 27 ha finalmente deciso di sospendere le missioni di addestramento europee dell’esercito maliano e della guardia nazionale, pur continuando le sue attività di consulenza e istruzione. “ci fermiamo” addestrare i soldati, “Ma restiamo” In Mali, sintetizza lunedì 11 aprile Josep Borrell, capo della diplomazia europea, in occasione del Consiglio dei ministri degli Esteri dell’Unione.

Leggi anche: L’Unione Europea ha sospeso le sue esercitazioni militari in Mali, ma resta nel Sahel

Durante l’incontro a Lussemburgo, hanno preso atto di questa decisione, adottata la scorsa settimana dai 27 ambasciatori presso l’Unione europea. Un consenso ha lottato per emergere. Alcuni paesi, in particolare la Francia, hanno voluto boicottare le due missioni volte alla ricostruzione delle forze armate maliane della missione dell’UE in Mali e al rafforzamento delle forze di sicurezza interna della missione dell’UE nella regione del Sahel in Mali.

Altri, come l’Italia, la Germania, la Spagna, il Belgio o la Repubblica Ceca, volevano restare o mantenersi almeno Attività nel Paese, per non lasciare campo aperto alla Russia. Una questione diventata cruciale in un momento in cui Mosca sta sfidando gli equilibri geopolitici globali con la guerra scatenata contro l’Ucraina.

READ  Stati Uniti - Incontro del Ministro per l'Europa e gli Affari Esteri con (...]

Dal 2 aprile soldati maliani e mercenari Wagner sono accusati di una strage a Mora, nel centro del Paese. Secondo Human Rights Watch, quasi 300 civili, inclusi alcuni sospetti jihadisti, sono stati giustiziati tra il 27 e il 31 marzo.

Gli abusi si moltiplicano

In questo contesto, l’addestramento delle forze maliane è diventato impensabile per l’Europa. Alcune di queste attività erano di fatto Sospeso dal mese di marzo dai vertici della spedizione in attesa di una decisione politica della Federazione. “Dovevamo evitare qualsiasi rischio in fretta” Vedere i soldati addestrati dagli europei impegnarsi “Violazioni dei diritti umani”Il diplomatico spiega.

L’Unione Europea aveva chiesto alle autorità finanziarie di impegnarsi ad evitare qualsiasi cooperazione tra Wagner e le forze vigilate dalle missioni europee. E la giunta militare al potere a Bamako ha chiesto nella sua risposta che fossero mantenuti, un segnale visto come positivo a Bruxelles. Ma le garanzie offerte sono state giudicate “Insufficiente”. Tuttavia, l’Europa continuerà a istruire i soldati maliani Le leggi di guerra “. “I militari devono sapere che la guerra ha le regole del gioco”.Josep Borrell ha spiegato lunedì

Leggi anche: Questo articolo è riservato ai nostri iscritti ‘Non facevano distinzione tra jihadisti e altri’: l’esercito maliano accusato ancora di abusi

Gli europei insistono sul fatto che questa sospensione delle attività di formazione è “temporaneo” E “evacuazione”. Ma “L’osservazione dell’evoluzione della situazione è molto pessimista”, Coinvolge un diplomatico, alla luce del moltiplicarsi delle violazioni e del rifiuto del Consiglio militare maliano di organizzare un ritorno alle urne.

Le domande aleggiano anche sulla missione delle Nazioni Unite in Mali, MINUSMA, che Bamako ha bloccato le sue indagini su Mora. “La lasciamo andare in piazza a vedere cosa è successo? O la Nasamah rimarrà rinchiusa nelle sue baracche? Se è per questo che non vale la pena stare lì”Il signor Borrell ha spiegato. Il ministro degli Esteri tedesco Annalena Barbock si recherà in Mali questa settimana per le valutazioni, poiché Berlino prevede di ritirare i suoi soldati dal paese.

READ  Cambiamenti climatici: l'Ue avverte che i prossimi mesi saranno difficili

In ogni caso, l’Ue vuole restare nel Sahel, ancora afflitto dalle minacce jihadiste, e allargarsi maggiormente ai paesi vicini. “Ma il Burkina Faso ha appena subito un colpo di stato e il Niger non è particolarmente entusiasta dell’idea di rafforzare la presenza straniera”., osserva un diplomatico. Da parte loro, gli europei devono ridefinire la loro strategia in relazione a questa regione chiave, nel contesto del ritiro della forza francese “Barkhane” e della task force europea “Takuba”, che non hanno avuto successo.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.