EUROPA/ITALIA – “Davanti a Dio non ci sono bambini di serie B”: padre Maccalli ricorda le vittime del terrorismo jihadista

EUROPA/ITALIA – “Davanti a Dio non ci sono bambini di serie B”: padre Maccalli ricorda le vittime del terrorismo jihadista

Martedì 12 aprile 2022

Padova (Agenzia Fides) – “È fondamentale non dimenticare gli ‘anonimus’ vittime delle violenze e dei rapimenti del terrorismo jihadista che imperversano nel Sahel. I nomi di alcuni danno un volto e una storia alle popolazioni locali che sono oggi ostaggi dell’oppressione”, scrive all’Agenzia Fides padre Pierluigi Maccalli, sacerdote della Società delle Missioni Africane (SMA), che si è trovato nelle mani di queste stesse organizzazioni dal 17 settembre 2018 al 9 settembre 2020 (vedi Agenzia Fides 9/10 /2020). “Due di questi nomi sono “africani”, uno è Christopher Botha, del Sud Africa, l’altro è padre Joël Yougbaré, del Burkina Faso, di cui non abbiamo notizie dal 17 marzo 2019 (vedi Agenzia Fides 20/3/2019 ).
Il missionario SMA ha parlato dell’incontro con Christopher Botha durante il suo periodo di prigionia. “Ho incontrato personalmente Christopher Botha durante la mia prigionia, è stato rapito una settimana dopo di me e l’ho visto arrivare dove mi tenevo in transito nel nord del Burkina Faso. Era tutto impolverato quando l’ho visto. Ho visto lui e il suo compagno disgraziati , l’indiano Vikram Akoliya (uscito a gennaio 2020) scende dal mototaxi Vikram Akoliya era uno dei gestori della miniera d’oro di Inata in Burkina Faso, in visita al sito, e Christopher lo ha accompagnato nella sua auto per il sopralluogo. Sono stati portati via con il loro autista che non è stato portato “con i bianchi”. Abbiamo parlato e condiviso due notti di attesa… e il suo calvario non è ancora finito”, ricorda amaramente padre Maccalli.
“Non ho mai incontrato il parroco di Djibo, don Joel Yougbaré in Burkina Faso. Ho saputo del suo rapimento solo dopo essere stato rilasciato. Ho potuto telefonare al suo Vescovo, Mons. Laurent Dabiré, per dirgli tutta la mia solidarietà e lui mi ha detto che credono che sia vivo anche se non hanno avuto prove di vita dal suo rapimento il 17 marzo 2019″.
Padre Maccalli fa appello affinché la memoria di queste persone continui a vivere e conclude dicendo: “Non dimentichiamoli, sono probabilmente vittime di seconda classe di un conflitto di seconda classe, ma davanti a Dio non ci sono bambini di seconda classe. In questo tempo di zoom quotidiano e reportage sulla guerra in Ucraina, aiutiamo il pubblico a non vedere nessuno come un ostaggio di seconda classe”.
(GM/AP) (Agenzia Fides 4/12/2022)

READ  Italia. In Toscana gli operai della GKN Campi Bisenzio salvano la loro fabbrica


Condividere:

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.