L’ondata di segnalazioni di informatori continua a dominare Facebook

San Francisco | Facebook era a conoscenza dell’estremismo di molti utenti e della valanga di disinformazione relativa alle elezioni presidenziali statunitensi del 2020, ma non ha reagito secondo i documenti del whistleblower, Francis Hogan, ottenuti da vari giornali americani.

• Leggi anche: Facebook sta cambiando nome e immagine del marchio

• Leggi anche: Il social di Trump, un nuovo indicatore per le “Americhe”

• Leggi anche: Francis Hogan, l’ingegnere determinato a rendere Facebook meno dannoso

Queste scoperte sono le ultime di una lunga serie, dalla prima ondata di indagini che hanno pubblicato Il giornale di Wall Street a settembre grazie alle segnalazioni interne inviate da questo ex dipendente del gruppo californiano.

Venerdì, articoli da Il New York Times, Il Washington Post O la NBC, che si è concentrata sul ruolo di Facebook nella vita politica profondamente polarizzante negli Stati Uniti.

All’inizio di novembre, pochi giorni dopo il sondaggio, un analista per esempio ha detto ai suoi colleghi che il 10% dei contenuti politici visti dagli utenti statunitensi della piattaforma erano messaggi che confermavano che il voto era stato truccato, secondo Il New York Times.

Queste voci infondate, vomitate dall’ex presidente Donald Trump, hanno fatto arrabbiare molti conservatori e cospiratori, che sono culminati nelle rivolte in Campidoglio il 6 gennaio.

I sostenitori del miliardario repubblicano avevano invaso il Congresso quel giorno mentre ratificavano il democratico Joe Biden. Cinque persone sono state uccise durante o subito dopo l’attacco.

Nel processo, Facebook, come Twitter e altre piattaforme importanti, ha vietato Donald Trump e i movimenti estremisti coinvolti nelle rivolte.

Ma secondo una rivelazione di venerdì, i dipendenti del gruppo californiano ritengono che avrebbero potuto prevedere meglio il problema.

READ  Birmania | I manifestanti denunciano la "dittatura militare"

“Il viaggio di Carol”

Queste informazioni sono state estratte da migliaia di documenti interni che Francis Haugen ha depositato presso la Securities and Exchange Commission, la Securities and Exchange Commission.

All’inizio di ottobre, ho ribadito ai senatori statunitensi che i leader dell’azienda, Mark Zuckerberg in testa, “finanziano i loro profitti con la nostra sicurezza”.

In precedenza erano trapelati studi che mostravano che Facebook è a conoscenza dei problemi psicologici delle vite e dei corpi apparentemente “perfetti” di ragazze adolescenti e influencer su Instagram.

Questo è il filo conduttore di queste scoperte: il colosso dei social media conosceva i problemi ma ha scelto, per la maggior parte, di ignorarli, secondo il whistleblower e altre fonti anonime.

Gli articoli di venerdì si riferiscono a un rapporto intitolato “Il viaggio di Carol verso Qunun”.

Carol Smith, una “madre conservatrice della Carolina del Nord”, era un account falso creato da un ricercatore, spinto da Facebook per studiare il ruolo della piattaforma nell’attirare gli utenti.

Secondo questo ricercatore, nell’estate del 2019, Carol Smith è stata esposta dall’algoritmo del social network a “un torrente di contenuti estremisti, cospirativi e scioccanti”, inclusi gruppi del movimento QAnon.

difesa

Di fronte a questa nuova ondata di critiche, Facebook ha rilasciato una dichiarazione ricordando i suoi significativi investimenti per ripulire le sue piattaforme e sostenere il processo democratico.

“Ma la responsabilità dell’insurrezione spetta a coloro che infrangono la legge ea coloro che li incitano a farlo”, ha affermato Jay Rosen, vicepresidente del Civic Integrity Group.

Questa difesa ha poche possibilità di soddisfare i funzionari eletti che si sono riuniti contro il social network.

Tanto più che la marea di rivelazioni non si ferma: un consorzio di dieci organizzazioni giornalistiche, dalla CNN al mondo, si prepara a pubblicare articoli basati su questi documenti, secondo il sito web specializzato The Information.

READ  Incendio in California: più di 500 case evacuate

È emerso un nuovo informatore, secondo un articolo in Washington Post Venerdì pomeriggio.

In qualità di ex membro del Civil Integrity Team, il 13 ottobre ha presentato una dichiarazione alla Securities and Exchange Commission, accusando Facebook di mettere i profitti al di sopra delle questioni umanitarie.

In questo documento, l’ex dipendente in particolare elenca i commenti fatti nel 2017, quando l’azienda stava decidendo come gestire al meglio la controversia relativa all’interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, tramite la sua piattaforma.

“Sarà un fuoco di paglia. I funzionari eletti gemeranno. E in poche settimane se ne andranno. Nel frattempo, stiamo stampando denaro al piano di sotto e tutto va bene”, ha detto Tucker Pounds, un membro del team di comunicazione di Facebook.

secondo Washington PostIl secondo informatore afferma nella sua testimonianza che i dirigenti di Facebook minano regolarmente gli sforzi per combattere la disinformazione e l’incitamento all’odio per paura di far arrabbiare Donald Trump e i suoi alleati e per non rischiare di perdere l’attenzione degli utenti, che è essenziale per i suoi enormi profitti.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *