La forma plurale del Quebec è stata formata dalle nuove generazioni

Non sono le culture che migrano, ma gli uomini e le donne. Non sono le culture che accolgono queste persone di altri luoghi, ma gli altri uomini e donne che vivono nella comunità.

Né il multiculturalismo né il multiculturalismo – con la sua lettura culturale della realtà sociale e il suo occultamento delle disuguaglianze economiche – riescono a spiegare la complessità del comportamento di questi gruppi e individui che condividono la stessa umanità, al di là delle loro differenze reali o immaginarie.

Se per cultura intendiamo un insieme di valori, modi di vita, modi di pensare e percezioni collettive risultanti da determinate condizioni storiche, sociali ed economiche, allora non si può parlare di cultura italiana, algerina, haitiana o di altra natura quebecchese.

Concetto astratto di culture

Ciò suggerirebbe una concezione astratta e non dinamica delle culture e un disprezzo per il contesto che le definisce e le alimenta. D’altra parte, in ogni Paese ospitante – salvo casi estremi di apartheid – ci sono immigrati i cui modi di vita e di pensiero si discostano sempre più da quelli del Paese di origine. Rispetta i legami di classe.

In effetti, ci sono più somiglianze tra un immigrato e un quebecchese dello stesso stato civile che tra un diseredato e un privilegiato che afferma di essere della stessa cultura. Matrimoni e amicizie interrazziali bastano a dimostrarlo. Il più delle volte si verificano tra persone dello stesso livello sociale.

Stato sociale

Così, in contrasto con la corrente culturale che pretende di spiegare il destino e il comportamento degli individui attraverso la cultura a dispetto dei determinanti sociali, possiamo facilmente vedere che le scelte sono importanti come il quartiere (ricco o popolare), la scuola (privata o pubblica), l’occupazione (prestigiosa o ordinaria), le attività di svago (culturali o comunali) e l’orientamento politico (se si ignora l’opzione sovrana) sono più spesso una questione di status sociale che di cultura di origine.

READ  Mega Millions prize rises to $ 970 million

Anche il francese, che la maggioranza degli immigrati alla fine dominerà, avrà implicazioni per il loro status sociale o per quello a cui aspirano. Il lavoratore raramente parla come un professionista.

Quant aux échecs scolaires de certe giovani, aux comportements déviants immigrants de quelques-uns d’entre et à la pauvreté d’une partie des genitori, il faudra beaucoup d’ignorance, sinon de mauvaise met foi comp de pour les the culture.

Nella Greater Montreal (e altrove nel Quebec dove ci sono gruppi di immigrati), oltre a casi di profiling razziale e discriminazione basata sull’origine etnica, stiamo assistendo alla formazione di un modello cosmopolita. Ad esso contribuiscono molte comunità di immigrati in tutti gli ambiti della vita collettiva, ben al di là di forme ostentate o superficiali basate generalmente su caratteristiche culinarie, di intrattenimento o di folklore.

Tuttavia, è indiscutibile che ciò che è stato creato, sognato, scritto e costruito qui è il Quebecois, come il gruppo Quebec collegato al resto del mondo e plasmato dalle nuove generazioni.

Che sia al lavoro, a scuola o nel suo ambiente familiare, l’immigrato – che gli piaccia o no – viene cambiato dalla società ospitante. Come tutti i quebecchesi, è chiamato a compiere delle scelte in una società in continuo mutamento, seppur impercettibile, che attraversa molteplici interessi, valori e correnti ideologiche, superando così il quadro limitato e sbiadito della cultura di origine. Tuttavia, l’ideologia del multiculturalismo, basata sulla negazione della realtà, sarà costruita non solo a spese dei francofoni di origine franco-canadese, ma anche a spese degli immigrati.

effetto dominante

Mentre i multiculturalisti canadesi sono stati ampiamente criticati per non aver riconosciuto i due popoli fondatori e per aver ridotto i francofoni allo status di una semplice comunità etnica e culturale, noi, d’altra parte, non siamo riusciti a evidenziare la loro visione culturale comune unificante. Multiculturalismo – comunità nazionali e di immigrati, che proteggono il conflitto sociale sul lavoro in ciascuna di esse.

READ  Emmanuelle Desmazure: "Partecipa al benessere sociale del Milan"

I ricchi e i poveri aboliti! Spazzato i privilegiati e gli svantaggiati! Ogni persona non è altro che un orgoglioso alfiere della sua cultura reale o immaginaria.

La situazione ideale per la continua alienazione del dominante e del controllato.

Guarda il video

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *