L’Italia festeggia i 700 anni dalla morte di Dante

(Roma) L’Italia festeggia quest’anno i suoi 700 anniNS Anniversario della morte di Dante Alighieri (1265-1321), autore Divina Commedia E il padre della lingua italiana, con tutta una serie di festeggiamenti.


Elvis Armellini
Agenzia di media Francia

Ecco cinque cose da sapere su questo monumento della letteratura mondiale, morto la notte tra il 13 e il 14 settembre 1321.

Il padre della lingua italiana

Dante ha contribuito alla nascita della lingua italiana scegliendo il dialetto toscano al posto del latino per scrivere il suo capolavoro.

Divina Commedia È un viaggio immaginario all’inferno, al purgatorio e al paradiso, pubblicato all’inizio del XIV secoloNS secolo.

Il suo successo portò anche altri autori medievali, come Petrarca e Boccaccio, a scrivere in dialetto e pose le basi della lingua italiana moderna.

L’istituzione la cui missione è diffondere la lingua e la cultura italiana nel mondo, che è l’equivalente dell’Alleanza francese, si chiama Società di Dante Alighieri.

L’Italia prevede inoltre di aprire un “Museo della lingua italiana” nel complesso della chiesa di Santa Maria Novella a Firenze, città natale del poeta.

Shakespeare uguale

Divina Commedia È una poesia, un racconto personale di redenzione, un trattato sulle virtù umane e anche un’opera molto influente nella fantascienza.

Inferno Dante, con i suoi vari cerchi corrispondenti ai sette peccati capitali, forma ancora oggi la nostra immagine della vita dopo la morte nell’immaginario cristiano.

Così dichiarò il poeta britannico TS Eliot: “Dante e Shakespeare condividono il mondo moderno, non c’è un terzo uomo”.

Da parte sua, il grande scrittore argentino Jorge Luis Borges Divina Commedia “Come il miglior libro mai prodotto.”

READ  Today, the Dow Jones rises on stimulus. Intel faces shake; Ali Baba expand its recovery | Daily Business Investor

Dante nella cultura popolare

Ispirato da generazioni di scrittori, pittori, scultori, musicisti, registi e autori di libri illustrati Divina Commedia.

Tra questi ci sono il pittore rinascimentale italiano Sandro Botticelli, il pittore spagnolo Salvador Dalì, il compositore russo Tchaikovsky, gli autori della saga degli X-Men e lo scrittore americano Dan Brown.

il bacio, famosa statua dell’artista francese Auguste Rodin, che rappresenta Paolo e Francesca, gli amanti fornicati che Dante incontrò nel Secondo Girone dell’Inferno.

Divina Commedia Ha anche ispirato un popolare videogioco (l’inferno di Dante) e Brett Easton Ellis inizia il suo famoso romanzo psicopatico americano Con questa citazione da Inferno : “Tu che entri qui, abbandona ogni speranza.”

Dante Durante

Come molti grandi artisti della storia italiana (Giootto, Michelangelo, ecc.), Dante è conosciuto soprattutto con il nome di battesimo, che è un diminutivo della parola “Durant”.

Nacque a Firenze nel 1265, esiliato nel 1302, e morì a Ravenna, nell’Italia nord-orientale, sulla costa adriatica.

Dante proveniva da una famiglia benestante e non ha mai dovuto lavorare per vivere. Eccelleva in politica, letteratura, filosofia e cosmologia.

Ebbe almeno tre figli dalla moglie, Gemma Donati, ma la sua ispirazione fu un’altra donna, Beatrice, che apparve in Divina Commedia Nel ruolo della sua guida in paradiso.

dante politico

Dante era un letterato, molto coinvolto anche nella vita politica di Firenze. Nel 1300 era stato eletto in precedenza, uno dei nove membri dell’esecutivo locale, per un mandato di due mesi. Fu questa posizione prestigiosa che affrettò la sua disgrazia.

A quel tempo, le città italiane erano sempre sull’orlo della guerra civile, divise tra Guelfe, vicine al Papa, e Ghibellini, sostenitori del Sacro Romano Impero. A Firenze, i guelfi finirono tra i “neri”, disposti ad accettare l’influenza papale negli affari della città, ei “bianchi”, chiedendo di limitare i poteri del papa nel regno spirituale.

READ  Per il terzo anno più di 2.000 euro di bonus ai dipendenti

Dante, “il Bianco”, fu esiliato con l’assistenza indiretta di papa Bonifacio VIII e divenne sempre più critico nei confronti dell’autorità papale.

Condannato ed esiliato da Firenze dopo che un nuovo regime era salito al potere e aveva oppresso la vecchia classe dirigente, non riuscì mai a mettere piede nella sua città natale.

Nel 1302, un giudice ordinò che Dante ei suoi alleati fossero bruciati vivi nel caso avessero tentato di tornare a Firenze. Questa frase è stata poi ammorbidita alla decapitazione.

Dante beneficia di Divina Commedia Per regolare i conti con molti dei suoi nemici, e sopra di loro Bonifacio VIII, al quale ha riservato un posto all’Inferno.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *