L’Iran annuncia vendetta dopo le sanzioni statunitensi

Teheran | Giovedì, l’Iran ha deciso di imporre sanzioni a individui e istituzioni americani, in risposta a quelle annunciate da Washington martedì contro decine di entità e funzionari iraniani per aver commesso “flagranti violazioni dei diritti umani”, in mezzo alla ripresa dei negoziati cruciali sull’energia nucleare.

Il vice capo della magistratura Kazem Gharbadi, il vice capo della magistratura, Kazem Gharbabadi, testualmente per i motivi scelti dal dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti per punire due entità e personalità iraniane, hanno annunciato “un nuovo elenco di individui e istituzioni statunitensi coinvolti in gravi diritti umani violazioni nei confronti di un uomo inserito dall’Iran nella lista delle sanzioni.” “quasi”.

Secondo Mizan, l’agenzia di stampa per la giustizia iraniana, Gharibabadi, che è anche il segretario generale del Comitato iraniano per i diritti umani, ha accusato gli Stati Uniti di utilizzare sanzioni con falsi pretesti dei diritti umani come strumento per raggiungere obiettivi politici invano. “.

Nella sua dichiarazione di martedì, il Tesoro degli Stati Uniti ha affermato che “continuerà a combattere la tirannia” e a promuovere il fatto che “gli individui hanno la responsabilità della repressione violenta di coloro che cercano di esercitare i propri diritti umani e libertà fondamentali”.

Le sanzioni arrivano quando i negoziati indiretti tra Teheran e Washington sono ripresi la scorsa settimana a Vienna nel tentativo di salvare l’accordo internazionale sul nucleare iraniano, dopo una sospensione di cinque mesi.

I colloqui, che sono stati nuovamente sospesi da venerdì scorso, dovrebbero riprendere giovedì.

READ  Big changes in the atmosphere can turn our calm winters into harsh winters - CBS Boston

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *