L’indagine sull’assalto al Campidoglio | L’ex capo dello staff di Trump a testimoniare

(Washington) Il capo di gabinetto del presidente degli Stati Uniti Donald Trump durante l’attacco a Capitol Hill collaborerà alle indagini su questo attacco, la commissione parlamentare denominata “6 gennaio” ha annunciato, martedì, che i primi parenti dell’ex presidente degli Stati Uniti hanno accettato di testimoniare.


Mark Meadows ha già rilasciato una serie di documenti al comitato incaricato di far luce sulle azioni dell’ex presidente e dei suoi consiglieri nel contesto dell’attacco al Congresso, ha affermato l’eletto democratico in carica, Benny Thompson.

In un primo momento, il capo di gabinetto dell’ex presidente Donald Trump si è rifiutato di testimoniare davanti a questa commissione e ha rischiato di essere incriminato. Steve Bannon, ex alleato del miliardario repubblicano, è già stato incriminato per lo stesso motivo e rischia il carcere.

Benny Thompson ha detto che Mark Meadows sta ora parlando con la commissione “attraverso il suo avvocato”.

“Ha presentato i documenti alla commissione e presto apparirà per dare una testimonianza preliminare”, ha detto in una nota.

Il 6 gennaio, migliaia di sostenitori di Donald Trump si sono precipitati al Congresso dove sono entrati con la forza per impedire ai funzionari eletti statunitensi di certificare la vittoria di Joe Biden alle elezioni presidenziali.

La commissione parlamentare che indaga su questa aggressione ha già interrogato più di cento persone e sta aumentando il numero di citazioni in giudizio nell’entourage di Donald Trump.

L’ex presidente è spesso indignato per il lavoro della commissione, ripetendo le sue accuse infondate di frode presidenziale nel novembre 2020.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *