L’inchiesta sulla campagna di Sarkozy in Francia: un’accusa personale sulla stampa di gossip

Mimi Marchand, il papa dei giornalisti in Francia, è stato incriminato sabato, in particolare per “corruzione di testimoni” nel caso del sospetto finanziamento da parte della Libia della campagna presidenziale del 2007 di Nicolas Sarkozy.

• Leggi anche: Francia: Nicolas Sarkozy ha deciso, in sua assenza, sulle spese della sua campagna nel 2012

• Leggi anche: Francia: l’ex presidente Sarkozy di nuovo davanti ai giudici

• Leggi anche: Processo a Sarkozy rinviato per spese elettorali

Dopo due giorni di fermo di polizia, Michel Marchand, capo dell’agenzia dei paparazzi, Michel Marchand, è stato portato sabato al giudice investigativo di Parigi, che l’ha anche accusata di “associazione a delinquere con lo scopo di commettere un reato. Supervisione giudiziaria”, il suo Lo ha detto l’avvocato Caroline Toby ad AFP, che “respinge fermamente i presunti fatti”.

Soprannominata “Mimi”, questa colorita personalità della stampa di celebrità, ex proprietaria di un locale notturno, fidanzata di teppisti e agenti di polizia, è vicina alla coppia Sarkozy e più recentemente a Emmanuel e Brigitte Macron, che ha protetto – dietro le quinte – foto dal campagna presidenziale.

È stata arrestata dalla polizia giovedì nell’ambito di un’indagine giudiziaria aperta dopo un’intervista condotta lo scorso novembre dal mediatore dello zolfo libanese-francese Ziad Taqi al-Din a un giornalista del settimanale francese. Partita di Parigi, che ha viaggiato in Libano con un fotografo di BestImage.

In questa intervista, Ziad Taqieddine ha ritirato le sue dichiarazioni contro Nicolas Sarkozy, anche se lo accusava da anni di ricevere denaro per la sua campagna presidenziale del 2007 dal leader libico Muammar Gheddafi.

Al-Wasif Al-Kubraifi ha anche parlato brevemente con BFMTV di Beirut, dove è latitante dalla sua condanna nel giugno 2020 in un altro caso. “La verità è finita”, ha subito trionfato l’ex capo di Stato.

READ  Il governatore di New York accusato di molestie sessuali combatte per sedare le critiche

Dichiarazioni famose

Queste dichiarazioni hanno spinto il procuratore finanziario nazionale, Jean-François Bonnert, ad affermare che le accuse di Nicolas Sarkozy in questa indagine non si basavano esclusivamente sulle dichiarazioni del signor Takieddine.

Due mesi dopo, dopo aver interrogato due giudici istruttori francesi il 14 gennaio, il mediatore, noto per la sua versatilità, ha annunciato di non aver confermato le “parole” dell’intervista, sostenendo che erano state “travisate” da Partita di ParigiChe “appartiene a un amico di Sarkozy”.

Il settimanale è di proprietà del gruppo Lagardère, di cui Nicolas Sarkozy è membro del consiglio di sorveglianza.

Pertanto, Taqieddine è tornato alla sua prima versione, secondo la quale la campagna presidenziale di Sarkozy del 2007 ha ricevuto un contributo dai fondi libici. Mentre insisteva che non aveva niente a che fare con lei.

quotidiano pubblicazione A marzo aveva segnalato movimenti di denaro sospetti, che hanno sollevato la possibilità di trattative a margine dell’intervista.

Sabato, Caroline Toby ha detto che Mimi Marchand “ha lavorato come giornalista in esclusiva per questa intervista con il signor Taqiuddin”. “Ha organizzato le foto e l’intervista solo nell’ambito del suo lavoro”, ha spiegato.

Altre quattro persone sono state accusate

Altre quattro persone sono state denunciate. Tra questi c’è l’inserzionista Arnaud de la Villesbrunn, ex direttore di Publicis. “Il mio cliente riesce a malapena a capire i termini dell’accusa perché si sente fuori e lo spiegherà più tardi ai giudici”, ha detto il suo avvocato, Eric Moraine, ad AFP.

Tra gli imputati anche l’uomo d’affari Pierre Raynaud e Noel Dubus, un uomo già condannato per frode.

Secondo il quotidiano pariginoNoel Dubus, che era andato due volte a Beirut per incontrare il signor Taqieddine lì prima del suo ritiro, avrebbe beneficiato di pagamenti sospetti, tramite il signor Phillisbrunn, che era uno sponsor della campagna presidenziale di Sarkozy.

READ  Algeria | Le elezioni sono state caratterizzate da un'affluenza molto bassa low

secondo pubblicazione, l’uomo d’affari Pierre Raynaud aveva offerto del denaro al signor Dubus da dare al signor Taqi al-Din.

Guarda anche

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *