Libano: Annullamento della vendita del primo carico di grano esportato dall’Ucraina

L’ambasciata ucraina in Libano ha affermato che il contratto per la vendita del primo carico di grano esportato dall’Ucraina dall’inizio dell’invasione russa è stato annullato a causa di ritardi nella consegna.

Razzoni, la nave mercantile battente bandiera della Sierra Leone, partì alle 1Versetto Agosto, il porto ucraino di Odessa sul Mar Nero con un carico di 26.000 tonnellate di mais, e avrebbe dovuto attraccare domenica al porto di Tripoli, in Libano.

Tuttavia, il periodo di consegna di cinque mesi “ha portato l’acquirente e il mittente ad accettare di annullare l’ordine”, ha spiegato martedì sera l’ambasciata ucraina in un comunicato stampa pubblicato poco prima della mezzanotte.

Secondo lei, il mittente sta valutando “altri ordini di acquisto”.

Secondo il sito web di monitoraggio del traffico marittimo, Razzoni è stato esaminato la scorsa settimana da esperti turchi e russi al largo della città di Mersin, nel sud della Turchia.

Russia e Ucraina hanno firmato il 22 luglio due accordi separati, ratificati dalla Turchia e dalle Nazioni Unite, per consentire le esportazioni di grano ucraino interrotto dalla guerra iniziata il 24 febbraio e di prodotti agricoli russi nonostante le sanzioni occidentali.

Il ministero della Difesa turco ha dichiarato che tre carichi di mais sono partiti venerdì in un convoglio diretto a Irlanda, Inghilterra e Turchia.

Lunedì la prima nave ha attraccato alla sua destinazione finale, la Turchia.

Un totale di otto navi hanno navigato da quando è stato firmato l’accordo, secondo le autorità ucraine, che sperano che da tre a cinque barche possano partire in un giorno entro due settimane.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.