L’hub del gas proposto da Putin | Erdogan ordina al governo turco di iniziare a lavorare

(Ankara) Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha ordinato al suo governo di iniziare i lavori sul “gas hub” in Turchia proposto dal suo omologo russo Vladimir Putin per esportare gas russo in Europa, secondo quanto riportato dai media turchi venerdì.

Inserito alle 7:07

“Noi, con Putin, abbiamo dato al nostro ministero dell’Energia e alle istituzioni competenti in Russia l’ordine di svolgere un’azione congiunta”, ha detto Erdogan a proposito della creazione di un possibile centro del gas in Turchia, durante un’intervista con i giornalisti a bordo la nave. Il volo di ritorno da Astana, in Kazakistan, dove giovedì ha incontrato il presidente russo.

Il capo di Stato turco ha anche affermato che i lavori inizieranno immediatamente.

“Non ci sarà alcuna attesa per questo”, ha aggiunto, osservando che l’hub finale potrebbe essere costruito nella regione della Tracia, nel nord-ovest della Turchia.

Giovedì Putin ha proposto di istituire un hub del gas in Turchia dove le spedizioni di gas russe verso l’Unione Europea sono interessate dalle sanzioni successive alla guerra in Ucraina e dalle perdite dai gasdotti Nord Stream 1 e 2.

La proposta ha subito provocato una reazione da parte della Francia.

Il “centro del gas” proposto da Putin è “insensato”, mentre gli europei vogliono ridurre la loro dipendenza dagli idrocarburi russi, ha risposto giovedì sera Parigi.

“Per noi non ha senso creare nuove infrastrutture che ci consentano di importare più gas russo”, ha sottolineato la presidenza francese.

La Russia sta già consegnando la Turchia attraverso il gasdotto TurkStream che attraversa il Mar Nero.

Cessate il fuoco più difficile

L’iniziativa di Putin di creare un hub del gas in Turchia arriva quando l’Unione Europea sta considerando di limitare i prezzi del gas di fronte all’aumento delle bollette energetiche derivanti dall’attacco russo all’Ucraina.

READ  La fine della democrazia americana

Al rialzo dei prezzi hanno contribuito anche quattro enormi fughe di gas comparse a fine settembre sui due gasdotti Nord Stream che collegano la Russia con la Germania e che hanno causato, secondo diversi Paesi, esplosioni sottomarine.

Il presidente russo ha affermato questa settimana che la Russia ha sventato un piano per sabotare il gasdotto Turkstream, senza fornire ulteriori dettagli.

“Stiamo adottando tutte le misure di sicurezza”, ha affermato Erdogan in merito alla sicurezza del futuro hub del gas della Turchia.

L’Unione Europea sta cercando di ridurre la sua dipendenza dagli idrocarburi dalla Russia.

Ma venerdì il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha affermato che l’Europa “ha bisogno di più gasdotti e infrastrutture” per rispondere alla crisi energetica.

“È una questione di domanda e offerta”, ha aggiunto.

E la Turchia, membro della Nato, non ha aderito alle sanzioni imposte alla Russia, pur affermando il suo sostegno all’Ucraina e cercando di mantenere la posizione di mediatore tra Kiev e Mosca.

Cavusoglu ha affermato che la prospettiva di un cessate il fuoco è diventata più difficile in Ucraina.

“La guerra è avanzata e la possibilità di un cessate il fuoco è diminuita, ma continueremo i nostri sforzi”, ha affermato.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.