L’ex commissario Ue sospetta un complotto italiano intorno al ‘Qatargate’ – EURACTIV.com

L’ex commissario greco all’Unione europea, Dimitris Avramopoulos, ha affermato che alcuni gruppi a Roma stanno cercando di coinvolgerlo nello scandalo Qatargate per tenerlo fuori dal processo di selezione per il prossimo rappresentante speciale dell’UE per i rapporti con gli Stati del Golfo. Questa posizione è ambita anche dall’ex ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio.

Dimitris Avramopoulos, ex commissario europeo, è stato membro del comitato consultivo della ONG Combatti l’impunità, legato ad Antonio Panzieri, appena arrestato per il suo coinvolgimento nello scandalo Qatargate. Il signor Avramopoulos si è dimesso subito dopo che è stato rivelato che il signor Panziri era stato arrestato in relazione a questo scandalo.

Tuttavia, il giornale nessuna stampa Ha rivelato che non solo è un membro della ONG, ma ha anche ricevuto uno stipendio. Secondo il quotidiano avrebbe percepito 60mila euro tra febbraio 2021 e febbraio 2022.

“Il comitato a cui ho partecipato, con personalità come l’ex Federica Mogherini [Premier ministre] Senatore francese Bernard Cazeneuve [italienne] Emma Bonino, ne è valsa la pena […] Per la mia partecipazione e il relativo compenso, ho chiesto l’approvazione della Commissione europea, che mi è stata concessa per iscritto dalla presidente Ursula von der Leyen.Dimitris Avramopoulos ha dichiarato in una nota.

La commissione ha affermato che lunedì (19 dicembre) inizierà una procedura interna per determinare cosa sia successo esattamente tra Dimitris Avramopoulos e la ONG.

Ma Dimitris Avramopoulos è andato oltre, dicendo che ci sono gruppi in Italia che vogliono allontanarlo dalla competizione per il posto di rappresentante speciale dell’Unione Europea per i rapporti con i Paesi del Golfo.

READ  RIDMs annuncia l'apertura e la chiusura dei suoi film della 24° edizione! - L'iniziativa

“Alcuni gruppi in Italia stanno compiendo sforzi organizzati per screditare la mia piena partecipazione legale e ufficiale alla lotta contro l’impunità. L’obiettivo principale è indebolire la mia candidatura alla carica di Rappresentante speciale dell’Unione europea nel Golfo Persico e, naturalmente, sostenere il candidato socialista italiano.[Luigi Di Maio]»ha detto al sito di notizie Enikos.gr.

Tutti a Bruxelles sanno che abbiamo in mente un candidato per questa posizione. Penso che la decisione finale sarà ritardata”.Ha aggiunto Avramopoulos.

Il signor Di Maio ha avuto la meglio, ma con commenti critici provenienti soprattutto dal suo paese. Molte persone a Roma si sono lamentate perché il suo CV non conteneva gli elementi necessari per una posizione così prestigiosa.

Queste critiche sono state portate all’attenzione dell’Alto rappresentante dell’UE per la politica estera, Josep Borrell, che avrebbe sospeso temporaneamente la nomina.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.