Italia: Roma rivive la Festa della Befana

Pubblicato su :

In Piazza Navona, a Roma, si trova il più caratteristico mercatino di Natale italiano. Fondata nel 1876, è chiamata “la Festa della Befana”. Dal nome di una buffa strega che, secondo la leggenda, distribuiva, la notte prima dell’Epifania, dolciumi ai bambini buoni e carbone a chi non è stato buono. Sospeso nel 2019, a causa della pandemia, il festival rinasce con nuove attrazioni, per la gioia dei visitatori che potranno goderselo fino al 6 gennaio.

Dal nostro inviato a Roma,

Risate, sguardi meravigliosi agli spettacoli di marionette con protagonista Pulcinella, personaggio emblematico della commedia dell’arte, il teatrino di Marvin Bucci, allestito dietro la fontana del Nettuno, è una delle novità della Festa della Befana. E Aldo sembra felice come i suoi due bimbi” È fantastico ! C’è tanta gente, i bambini giocano con gli amici… Facciamo festa tutti insieme. »

Piazza Navona ospita 70 bancarelle dove è possibile trovare ogni tipo di artigianato, soprattutto per la decorazione dei presepi. Stefania De Angelis è una presepista. Crea presepi in legno, santoni e altri elementi, secondo il saper fare ancestrale. ” Per la nostra famiglia essere in questa piazza è una tradizione. Mia suocera era lì dal 1944. Osservo un forte desiderio di stare insieme, di rifare i presepi e anche il desiderio di pace. Rivedere il posto con così tante persone mi commuove. »

Profumi di dolci dolci

Emozioni, piaceri e leggerezza in un bagno di profumi che mescolano castagne calde, zucchero filato e mela stregata : una mela ricoperta da una glassa rosso fuoco. Spiegazioni del commerciante Alfiero Tredicine. ” La mela stregata è una specialità romana che risale ai tempi della guerra. Ci piace molto… E dal 29 dicembre vedremo i calzini grandi appesi sugli spalti per il Befanha “.

READ  Calcio/Italia. Pogba presente alla ripresa della Juventus... senza aver firmato

La Befana è una strega benevola che si crede cavalchi su un manico di scopa volante per premiare i bambini buoni riempiendo loro i calzini di dolcetti in occasione dell’Epifania. Ma prima, ovviamente, aspettiamo Babbo Natale

Proprio accanto alla giostra, che sembra uscita da una fiaba, c’è un’altra novità: una cassetta delle lettere per fare gli auguri a Babbo Natale e all’edile di Roma. Lisa, 10 anni, ed Elio, 11, ci dicono cosa vogliono dal sindaco. ” Per la mia città vorrei che le strade non fossero più invase dai rifiuti e meno inquinate disse uno dei bambini. ” Vorrei tanto che i poveri diventassero come noi: né ricchi né poveri; serenità per tutte le persone esclama l’altro.

Con queste parole di saggezza, Lisa ed Elio scopriranno sicuramente la loro calza colma di dolcetti della mitica Befana.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.