L’ex braccio destro di Boris Johnson lo definisce “incompetente”

Dominic Cummings, l’ex braccio destro di Boris Johnson, venerdì ha lanciato un violento attacco al primo ministro britannico, accusandolo di incompetenza e mettendo in dubbio la sua imparzialità in diversi casi recenti, cosa che Downing Street nega.

Leggi anche: Boris Johnson chiede ai britannici di essere pazienti quando si viaggia all’estero

Leggi anche: Gran Bretagna: il consulente di Johnson nega di aver violato la politica di contenimento

In un post pubblicato sul suo sito web, questo consigliere pro-Brexit, artefice della vittoria “Holiday” nel referendum del 2016, ha affermato che è “triste vedere il primo ministro e il suo ufficio fare marcia indietro rispetto al livello di competenza e “integrità che il Paese merita”.

L’influente e controverso consigliere ha lasciato il governo in condizioni burrascose nel novembre 2020.

Si è difeso dallo scambio di SMS trapelato che ha rivelato l’accesso privilegiato dell’industriale James Dyson, che aveva fatto fortuna con gli elettrodomestici, al primo ministro.

La BBC ha recentemente rivelato questo scambio di messaggi di testo, con James Dyson che ha chiesto a Boris Johnson, all’inizio della pandemia, di “regolare” lo status fiscale dei suoi dipendenti che dovevano venire nel Regno Unito per lavorare sui ventilatori, su richiesta del governo. Boris Johnson avrebbe risposto nel marzo 2020, “Lo farò domani!” Abbiamo bisogno di te. “

Dominic Cummings ha anche menzionato il piano di Boris Johnson di far finanziare il lavoro nel suo appartamento da donatori privati. Spiega che si è rifiutato di aiutarlo a realizzare questi progetti e gli ha detto che erano “immorali, stupidi e forse illegali”.

Johnson è stato anche accusato di aver tentato di fermare un’indagine interna su fughe di notizie su una decisione del governo di imporre un nuovo blocco, avvenuta lo scorso anno dopo una riunione di gabinetto, perché si presumeva che avesse messo un consulente vicino alla sua fidanzata Carrie Symonds.

READ  Terremoto di magnitudo 6,9 al largo della Nuova Zelanda, allerta tsunami

L’ex consigliere afferma di aver risposto a Boris Johnson dicendo che era un’idea “folle” e “totalmente immorale”. Cummings dice che questo episodio “ha contribuito alla mia decisione di restare fedele al mio piano di lasciare Downing Street”.

Uno dei suoi portavoce ha risposto che “il primo ministro non ha mai interferito con un’indagine su una fuga di notizie dal governo” e ha anche confutato le accuse relative all’appartamento del leader conservatore.

Ha aggiunto: “Il governo ha sempre agito in conformità con i codici di condotta appropriati e la legge elettorale”, aggiungendo: “Tutte le donazioni sono state annunciate e pubblicate in modo trasparente”.

Il signor Cummings si è offerto di mettere a disposizione lettere private per motivare la sua affermazione e testimoniare sotto giuramento agli investigatori e ha suggerito di avviare un’indagine parlamentare urgente sul comportamento del governo durante la nuova pandemia di coronavirus.

Queste accuse esplosive hanno prontamente dato luogo all’opposizione laburista, con Angela Rayner, la numero 2 della classifica del partito laburista, che accusa il governo conservatore di “oscillare tra insabbiamenti e inganni”.

Ha aggiunto: “Mostra un disprezzo mozzafiato per il paese”, credendo che il partito di Boris Johnson “stesse sprofondando sempre più nella palude della corruzione”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *