Manifestazioni contro la riforma del sistema di assicurazione contro la disoccupazione

Spinto dai lavoratori occasionali del tempo libero, diverse migliaia di persone hanno manifestato in tutta la Francia venerdì 23 aprile 2021 per chiedere il ritiro della riforma dell’assicurazione contro la disoccupazione che entrerà in vigore il 1 ° luglio.

Queste manifestazioni sono state organizzate da sindacati e federazioni di sindacati, disoccupati e Solidere come il Movimento Nazionale Disoccupati e a Rischio (MNCP) affiancati da gruppi di lavoratori interrotti che avevano occupato siti culturali per diverse settimane.

Infatti, i lavoratori intermittenti dello spettacolo, che non sono direttamente interessati alla riforma dell’assicurazione contro la disoccupazione ma chiedono una proroga del loro anno vuoto e l’immediata riapertura dei luoghi culturali, hanno costituito il grosso delle sfilate.

“Vivere nell’arte è l’arte di vivere”, “Festival: Summer Universe”, si legge sui cartelli di Parigi dove diverse migliaia di persone, spesso giovani, passeggiavano in un pomeriggio di festa da Place d’Italie a Place De la pastels .

I manifestanti a Marsiglia, vestiti di nero con una croce bianca, intorno al 300, hanno disceso il fiume Canberra verso il vecchio porto, sigillando i coperchi delle scatole delle attrezzature tecniche.

Christophe Crespo, operatore dello spettacolo di Martigues, è preoccupato: “Abbiamo avuto un anno vuoto ma siamo vicini alla fine e non sappiamo se verrà rinnovato”, spiega questo 50enne, che ha lavorato per un mese per un anno .

Secondo i manifestanti, quest’estate entrerà in vigore un nuovo metodo di calcolo delle indennità, che sarà meno adatto per le persone in cerca di lavoro che alternano regolarmente periodi di disoccupazione e attività.

Secondo Unédic, gli 1,15 milioni di persone che hanno diritto all’assicurazione contro la disoccupazione nell’anno successivo al primo luglio dovrebbero ricevere un’indennità mensile inferiore alle regole attuali (in media del 17%) con un’estensione della “durata teorica ”Risarcimento (14 mesi) in media contro 11 mesi prima della riparazione).

READ  Internamento durante la seconda guerra mondiale Justin Trudeau si scusa con gli italocanadesi

Robert Chasagnon, 42 anni, occasionalmente maggiordomo a Parigi, lavora a brevi contratti con diversi datori di lavoro e teme di perdere “fino al 40% dei sussidi di disoccupazione” nei mesi in cui non lavora.

“Tra i nostri artisti, alcuni hanno perso il loro status intermittente e cadono, di fatto, nell’ordine pubblico. Questa riforma li renderà più pericolosi”, Sandrine Le Maitre, la regista esasperata, 53 anni, a Montpellier dove molte esibizioni dai ranghi più alti del National Dance Center occupato.

Per Timo Metzemakers, contrabbassista e rappresentante della CGT a Bordeaux, “il messaggio inviato da questa riforma profondamente ingiusta è” Non vali nulla “.

“Convergenza delle lotte”

A Nantes, una processione di 1.500 manifestanti si è riunita al Grasslin Theatre, ora occupato, esponendo striscioni come “Rest period Too Long”, “Macron’s Dimissioni” o “Immediate Reopening of Cultural Places”.

Arthur, 17 anni, studente di liceo, ha spiegato nel suo ultimo anno: “C’è una convergenza di lotte che è importante, e poiché amo così tanto la cultura, sono davvero d’accordo con l’occupazione del teatro Grasslin”.

A Lione, 600 manifestanti del TNP hanno manifestato a Villeurbanne all’Opéra de Lyon, due posti consecutivamente occupati da intermittenti e studenti provenienti da settori artistici da metà marzo. Erano in 200 a Saint-Etienne con applausi intermittenti e cantando “We Are All Essential” a “We Will Rock You”.

Di notte, 500 persone hanno manifestato dietro uno striscione “Fine di licenziamenti, reinsediamenti e tagli di posti di lavoro”.

Jean-Paul Delscott, segretario nord della CGT, ha denunciato: “Non è escluso che ci sarà una riforma che violerebbe i diritti con tutti i PES in corso: Nocibé, Flunch, Auchan, Carrefour”.

Su LCI, Elizabeth Bourne ha confermato venerdì di “aver sentito questa opposizione” ma che “crede veramente che il sistema attuale debba essere cambiato”.

READ  L'Animal Services Center fissa due appuntamenti

“Alcune persone sono riuscite a conviverci, e vediamo che sono state completamente colpite dalla crisi, al punto che abbiamo dovuto fornire un’assistenza eccezionale a quei dipendenti che ruotano con contratti a breve e che non sono stati in grado di farlo nel 2020, per fornire loro un reddito di 900 euro “.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *