Le tensioni possono esplodere con il passaporto

Come in Francia, è probabile che la lotta ideologica sulle misure sanitarie in Quebec si intensifichi nelle prossime settimane con l’introduzione del passaporto per i vaccini.

• Leggi anche: Gli oppositori del passaporto sanitario manifestano in Francia per il quarto fine settimana consecutivo

• Leggi anche: No, l’RSEQ non può imporre la vaccinazione obbligatoria

• Leggi anche: Manifestazioni in Italia contro il passaporto sanitario

C’è una frustrazione crescente da parte delle persone [qui ont suivi les mesures] Perché si dicono che hanno dato troppo, che si sono negati», spiega Genevieve Beaulieu Pelletier, psicologa clinica e professoressa associata all’Università del Quebec a Montreal (UQAM).

La rabbia sta salendo dall’altra parte.

“Maggiore sarà il nostro impegno, come nel caso della liceità della vaccinazione, maggiore sarà la frustrazione per l’altra parte della popolazione, perché alimenta [leur croyance]. »

Di fronte a un’ondata di casi di coronavirus, Francois Legault ha confermato giovedì che un passaporto per il vaccino apparirà presto in Quebec nel tentativo di arginare una quarta ondata di inquinamento.

Il 4 agosto, il Quebec ha registrato 305 nuovi casi, rispetto ai 78 del mese precedente.

Il sig. Legault ha affermato che ciò dovrebbe consentire ai cittadini che hanno ricevuto due dosi dei vaccini di condurre “una vita quasi normale”.

Sabato prossimo, a Montreal una nuova manifestazione contro la richiesta del passaporto sanitario. Ieri, quasi 5.000 persone su Facebook hanno dichiarato di voler partecipare.

la trincea che si allarga

Per la signora Beaulieu-Pelletier, questa nuova misura continuerà ad ampliare il divario tra i quebecchesi.

“Da entrambe le parti restiamo davvero fedeli alle nostre posizioni e capiamo sempre meno dall’altra parte. Ad esempio, se segui le procedure dall’inizio e vedi che c’è una possibile via d’uscita per la vaccinazione, è molto difficile capire perché alcune persone non hanno adottato questa soluzione”, afferma.

READ  Police Academy star and Broadway star Marion Ramsey dies, aged 73

Ma aggiunge anche che lavorano nella direzione opposta, con alcune azioni che rafforzano le convinzioni di alcuni che aderiscono alle teorie del complotto e alimentano la sfiducia.

Cita come esempio: “Lo vedi molto sui social media sotto i post che promuovono la vaccinazione, dove la gente dice ‘questi sono messaggi di propaganda'”.

nessuna rivoluzione

Da parte sua, la sociologa e professore ordinario del Dipartimento di Sociologia dell’UQAM, Catherine des Rivieres-Begon, ritiene che possiamo aspettarci che sorgano tensioni sociali.

Tuttavia, crede che non ci sarà una grande rivoluzione, come in Francia, dove ieri circa 237.000 persone hanno manifestato in piazza. (Vedi il testo corrispondente)

« [Au Québec], abbiamo visto movimenti di protesta, ma alla fine non si sono sviluppati molto se guardiamo alle misure che sono state messe in atto. […] Se guardiamo ai sondaggi che sono stati fatti, c’era comunque un livello abbastanza alto di sostegno per queste misure”, sottolinea.

“Ci sono più controversie in Francia, ed è anche una questione culturale”, aggiunge. Sarà comunque interessante vedere come sarà vissuto il permesso sanitario in Francia, poiché avrà un impatto inevitabile sul Quebec. “

Guarda anche…

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *