Le condizioni di salute di Joe Biden: Donald Trump gioca la carta dell’autocontrollo

Le condizioni di salute di Joe Biden: Donald Trump gioca la carta dell’autocontrollo

Di fronte alle crescenti speculazioni sulla salute di Joe Biden, Donald Trump, in un modo molto insolito, gioca la carta della moderazione.

• Leggi anche: “Sfidami”: Biden attinge dal playbook di Trump per rimettersi in carreggiata

• Leggi anche: “Sono profondamente impegnato a restare in corsa”: Biden, più determinato che mai, esorta il suo partito a “stringersi” attorno a lui

• Leggi anche: Altri democratici chiedono a Joe Biden di arrendersi

Mentre il suo rivale democratico sta senza dubbio vivendo la settimana peggiore della sua carriera politica, il candidato repubblicano ha resistito alla tentazione di spingerlo pubblicamente.

Nessuna diatriba, nessun nuovo soprannome di killer: Donald Trump, non proprio noto per mettere la lingua in tasca, commenta raramente la tempesta di fuoco che il presidente democratico sta affrontando per la sua candidatura.

Si è appena vantato, in alcuni post sul suo social network Truth, di aver “annientato” il suo rivale durante il duello televisivo del 27 giugno.

Ancora più sorprendente è il quasi silenzio di Donald Trump perché il repubblicano è solitamente il primo ad attaccare il presidente 81enne per la sua salute.

In uno dei suoi numeri preferiti ai comizi elettorali, lo showman si prende gioco dell’età del suo rivale. Interpreta un Joe Biden esausto e sconvolto, incapace di scendere dal palco, per la gioia dei suoi fan, con il famoso cappello rosso.

Dice: “Riesce a malapena a leggere o a stare in piedi!”

Il suo campo afferma da anni che il presidente degli Stati Uniti soffre di demenza, supportato da montaggi tendenziosi.

In un’intervista a Fox News lunedì sera, Donald Trump ha criticato duramente il comportamento di Biden durante il dibattito, evitando di menzionare una possibile malattia grave o attaccando la sua salute mentale.

READ  Argentina: Miley si dice pronto alla "lotta" e alle riforme "con o senza sostegno".

Ha aggiunto che crede che Biden rimarrà in corsa.

“È stato un dibattito strano, perché fin dai primi due minuti le risposte che ha dato avevano poco senso”, ha detto. Il repubblicano ha detto di non aver guardato Biden durante il dibattito “tranne quando girovagava un po’”.

Alla domanda se pensasse che Biden dovesse dimettersi, Trump ha detto: “Bene, ci siamo preparati per lui, ma non credo che ci sia alcun significato in questo”.

Silenzio “intenzionale”.

Come spiegare questo cambiamento di atteggiamento?

Lo stratega repubblicano Rob Burgess ritiene che il semi-silenzio del candidato repubblicano sia stato completamente “deliberato”.

Ci sono rare opportunità per Donald Trump, condannato con accuse penali alla fine di maggio a New York, di distogliere l’attenzione dai suoi problemi legali. Oppure le sue posizioni, non sempre molto popolari, sull’aborto.

Rob Burgess, membro della squadra elettorale di Donald Trump nel 2016 e nel 2020, ha dichiarato all’AFP: “Perché mettersi nel mezzo di un vortice mediatico quando non è necessario?”

È anche possibile che Donald Trump (78 anni) faccia marcia indietro per paura di opporsi a un candidato più giovane di Joe Biden a novembre?

Questo è ciò a cui alludeva David Axelrod, ex stratega di Barack Obama.

“Trump non parla molto del pessimo dibattito di Biden. Ha detto che la sua campagna non pubblica annunci sull’argomento. “Secondo te, perché questa moderazione?” È stato scritto con insinuazioni su X.

Incontro a Milwaukee

Martedì in Florida per una delle sue prime manifestazioni elettorali dopo il dibattito, Donald Trump resisterà alla tentazione di imitare un vacillante presidente americano?

READ  Biden ringrazia il Messico dopo l'arresto del contrabbandiere di fentanil

Il repubblicano deve spiegare in dettaglio “come la presidenza fallita di Joe Biden abbia avuto conseguenze disastrose per gli abitanti della Florida e gli americani”, secondo la delegazione che lo accompagna.

L’evento si svolgerà nella grande periferia di Miami, a partire dalle 19:00 ora locale.

Sul palco dovrebbe essere accompagnato dal repubblicano Marco Rubio, l’influente senatore della Florida che figura in una lista di tre o quattro nomi che Donald Trump sta valutando come candidato alla vicepresidenza insieme a lui.

Stanno circolando anche i profili del senatore J.D. Vance e del governatore Doug Burgum, e si prevede che il campo di Trump formalizzerà la loro scelta negli ultimi giorni.

Ma anche in questo caso, i repubblicani hanno preferito tenere i riflettori puntati sulla guerra di trincea dei democratici, quattro mesi prima delle elezioni presidenziali.

Il nome del candidato alla vicepresidenza di Donald Trump sarà rivelato al più tardi la prossima settimana, quando inizierà la convention del Partito Repubblicano a Milwaukee. Questo grande raduno sarà un’opportunità per i repubblicani di incoronare ufficialmente Donald Trump come candidato del partito. E per riprendere un po’ di luce.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *