La Russia chiede la revoca delle sanzioni per evitare la crisi alimentare globale

Un alto diplomatico russo mercoledì ha chiesto la revoca delle sanzioni imposte a Mosca come condizione per evitare una crisi alimentare globale a causa dell’interruzione delle esportazioni di grano dell’Ucraina dall’inizio dell’offensiva del Cremlino.

“La soluzione al problema alimentare richiede un approccio coordinato, compresa la revoca delle sanzioni alle esportazioni russe e alle transazioni finanziarie”, ha affermato il viceministro degli Esteri Andrei Rudenko, citato dalle agenzie di stampa russe.

Ha anche chiesto di “liberare Kiev” dai porti del Mar Nero in modo che le navi potessero esportare grano. A tal fine, il diplomatico ha sottolineato che la Russia è “pronta a garantire il passaggio umanitario” per le barche.

Conosciuta per il suo suolo nero molto fertile, l’Ucraina era il quarto esportatore mondiale di mais prima dell’attacco e sta per diventare il terzo esportatore di grano.

Ma il conflitto ha sconvolto la produzione agricola ucraina e Kiev e l’Occidente accusano la Russia di bloccare l’esportazione di grano attraverso il Mar Nero, aumentando il rischio di una grave crisi alimentare globale.

Martedì sera, l’esercito russo ha accusato l’Occidente di cercare “di portare via il grano dall’Ucraina il più rapidamente possibile (…) senza temere ciò che accadrà nel Paese una volta esaurite le riserve di grano”.

READ  Due persone sono morte in una sparatoria sulla spiaggia vicino a Cancun

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.