La Russia afferma di aver ucciso più di 600 soldati ucraini in un raid a Kramatorsk

In rappresaglia per il devastante attacco dell’esercito ucraino a Makievka, la Russia afferma di aver ucciso più di 600 militari ucraini in un attacco missilistico a Kramatorsk, nel Donbass, domenica.

• Leggi anche: Un devastante attacco a Makievka: l’esercito russo compie operazioni di rappresaglia a Kramatorsk

• Leggi anche: Ucraina: due morti e nove feriti nelle ultime 24 ore, nonostante l’armistizio russo

In un video diffuso dal ministero della Difesa russo, il portavoce Igor Konashenkov presenta le pesanti perdite subite dagli ucraini e conferma Reuters.

Se i fatti saranno confermati, questo sarà uno dei colpi più sanguinosi mai inferti alle forze ucraine.

Il ministero non ha specificato la data esatta di questo sciopero.

Le autorità ucraine locali hanno riferito che Kramatorsk è stato colpito da sette missili durante la notte. Altri due missili hanno preso di mira la vicina città di Kostiantynivka.

Sabato, i giornalisti dell’AFP con sede a Kramatorsk hanno sentito almeno quattro esplosioni prima di mezzanotte.

L’esercito russo ha presentato questo attacco come rappresaglia per quello effettuato a Makevka, in una regione separatista filo-russa nell’est dell’Ucraina, a pochi minuti dall’inizio del nuovo anno.

L’esercito ucraino ha preso di mira un punto di schieramento temporaneo per i soldati russi lì, causando la morte di almeno 89 soldati, secondo il rapporto fornito da Mosca.

L’Ucraina nega

L’Ucraina ha negato qualsiasi bombardamento di una caserma a Kramatorsk, affermando che le accuse russe “non corrispondono alla verità”.

E il portavoce del comando “orientale” dell’esercito ucraino, Sergio Cherevaty, ha detto ai media Sospilin che “le forze russe non hanno la capacità di sferrare attacchi ad alta precisione”, di fronte alle forze ucraine. Successi.

READ  Congresso degli Stati Uniti | Nuova polemica sulle parole di un funzionario musulmano eletto

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.