La nuova strategia di azione esterna della Spagna

Arancha Gonzalez Laya, ministro spagnolo degli Affari esteri e degli affari europei dal secondo governo di Sanchez nel 2020, ha un ambizioso programma per definire la politica estera del suo paese. Economista, esperta di relazioni internazionali – ha diretto per quindici anni l’International Trade Center (ITC) di Ginevra – il capo della diplomazia spagnola non approva il seguito.

Arancha González Laya, ministro spagnolo degli Affari esteri, europei e della cooperazione

Arrivato al potere nel giugno 2018 grazie a una mozione di censura contro il governo di Rajoy, Pedro Sanchez, un socialdemocratico, è stato affermato in carica attraverso le elezioni generali nel novembre 2019. Quando è stato formato il suo secondo governo, il ministro degli Affari esteri, europeo e Nominati gli Affari esteri. Gli affari di cooperazione sono stati affidati ad Arancha González Laya, succeduto a Josep Borrell, Alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza comune.

Il nuovo ministro, senza una denominazione politica, ha un buon curriculum. Polyglot, laureata in diritto europeo, è avvocato, ha ricoperto incarichi di alto livello nella Commissione di Bruxelles nel settore del commercio internazionale con Pascal Lamy che è stata poi nominata responsabile dell’ufficio quando è stata nominata capo dell’Organizzazione mondiale del commercio.

Riposiziona la Spagna in Europa e nel mondo

Una volta in carica, la signora González Laya si è posta l’obiettivo di definire una strategia per l’azione esterna per il periodo 2021-2024, che mira a “ristabilire la Spagna nell’Unione europea e nel mondo”. Cet Exercice, Fruit d’une Large Consultation con le istituzioni, les communautés autonomes, le monde économique, la société civile et les instituts de recherche a débouché sur un épais document qui a été validé le 26 janvier 2021 par le gouvernement et transmis au Parlement Essere approvato.

Questo articolo analizza la componente europea di questo progetto.

READ  Tassare i giganti del digitale: la fine delle rappresaglie commerciali statunitensi

Nelle questioni europee, viste come un “prolungamento della politica interna”, la Spagna vuole essere offensiva, come il ministro delle Relazioni esterne che, entrando in carica nel gennaio 2020, ha inviato un messaggio inequivocabile: “A un tempo in cui si sta restringendo”. Europa Con l’uscita del Regno Unito, e di fronte alla procrastinazione francese e tedesca, dobbiamo essere in grado di stringere alleanze con altri partner per andare avanti nel quadro della joint venture “. Aggiunge che è giunto il momento di porre fine alla “capacità europea” degli ultimi decenni e di passare alla realpolitik.

Ripensare liberamente alle alleanze bilaterali

Per il ministro ciò presuppone l’abbandono del tradizionale “seguito” nei confronti dell’asse franco-tedesco. La Spagna è stata a lungo nell’ombra pesante di questa coppia, con grande fastidio della stampa spagnola e senza dubbio Moncloa. Nella versione provvisoria del testo conservato dall’Elbais, anche l’asse franco-tedesco era visto come tendente a convertirsi sempre più in un asse “tedesco-tedesco”.

La versione finale del Piano d’Azione Strategico è più raffinata: la Spagna si schiererà con Berlino e Parigi per prendere misure volte a sostenere l’integrazione europea, ma allo stesso tempo metterà in pratica una politica di alleanze bilaterali con una geometria mutevole. A seconda degli argomenti. Ciò potrebbe avvenire, ad esempio, attraverso la cooperazione con l’Italia sull’immigrazione, o con i paesi del Blocco di Visegrad in termini di finanziamento e coesione strutturale, che è una risorsa vitale per la Spagna. Inoltre, va “rivitalizzato” il ruolo dei vertici bilaterali che la Spagna ha stabilito con Portogallo, Francia, Italia, Germania e Polonia. Questa forma può estendersi alla Romania.

Questa nuova tendenza è stata rapidamente messa in pratica. La Spagna, contraria alla silenziosa competizione economica per l’Italia per il terzo posto sul podio europeo, cerca ora di rafforzare i suoi rapporti con il Paese.

READ  Più di 129 tonnellate di rifiuti provenienti dall'Italia sono state distrutte in Tunisia

Sviluppo del voto a maggioranza per rendere il sindacato più attivo

Più sorprendentemente, il calore nei rapporti con l’Olanda, che non è stata ancora molto amichevole nei confronti della Spagna e dei paesi del “Club Med”, è sfociata lo scorso marzo in una proposta congiunta di Pedro Sanchez e Marc Rutte sul rafforzamento dell’autonomia strategica dell’Unione europea. dopo la pandemia.

Va notato che tra i 13 punti del testo, compare l’ampio ventaglio di temi in cui le decisioni della società sono prese a maggioranza qualificata “ove possibile e desiderabile” al fine di limitare “aree in cui il consenso impedisce la capacità di agire. Azione dell’Unione Europea ”. Se questo è il caso delle questioni fiscali, su cui gli olandesi sono estremamente cauti, allora ci sarà una vittoria senza precedenti per la “nuova” diplomazia spagnola.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *