La Niña è tornata, ma non ha invertito il riscaldamento globale

La Niña è tornata e continuerà fino all’inizio del 2022, secondo l’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM), ma l’effetto di raffreddamento di questo fenomeno meteorologico non impedirà che le temperature rimangano al di sopra della media per un periodo di tempo, in gran parte del pianeta.

• Leggi anche: In Quebec è previsto un inverno freddo e nevoso

L’Organizzazione meteorologica mondiale ha previsto che La Niña riemergerà alla fine del 2021 e stima che il fenomeno sarà “probabilmente da debole a moderato e più debole dell’episodio del 2020/21”, secondo una dichiarazione rilasciata martedì.

“Nonostante l’effetto di raffreddamento di questo fenomeno climatico naturale, le temperature in molte parti del mondo dovrebbero essere superiori alla media a causa del calore che si accumula nell’atmosfera, che è intrappolata da livelli record di gas serra”, spiega l’organizzazione con sede. Ginevra, Svizzera).

“L’effetto di raffreddamento della La Niña 2020/2021, che si avverte generalmente durante la seconda metà del fenomeno, significa che il 2021 sarà classificato tra i dieci anni più caldi e non l’anno più caldo”, ha affermato il segretario generale dell’OMM Petteri Taalas. .

E per avvertire: “Questa è solo una breve tregua e non inverte la tendenza del riscaldamento a lungo termine né riduce l’urgenza dell’azione per il clima”.

Secondo le nuove previsioni dell’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM), c’è una probabilità del 90% che le temperature delle acque superficiali nel Pacifico tropicale rimarranno ai livelli di La Niña fino alla fine del 2021 e “una probabilità moderata (dal 70 all’80%) che temperature Questa temperatura rimarrà a questi livelli per tutto il primo trimestre del 2022”.

L’effetto di La Niña, che si verifica ogni due-sette anni, si fa sentire su gran parte della Terra sotto forma di variazioni della pressione atmosferica, dei venti e delle precipitazioni, con effetti generalmente diversi da un altro fenomeno, El Nino.

READ  Tsunami | Il Giappone festeggia i dieci anni dal disastro

Ma i cambiamenti climatici causati dalle attività umane influiscono su questi fenomeni.

Nonostante l’effetto di La Niña in una parte dell’Oceano Pacifico, l’OMM prevede temperature della superficie del mare superiori alla media da dicembre a febbraio, ad eccezione della parte nord-occidentale del continente nordamericano, del subcontinente indiano e della penisola indiana.

I modelli prevedono inverni “insolitamente caldi” nell’estremo nord, nel nord-est asiatico e nell’Artico.

Temperature superiori alla media sono previste anche nel Nord America orientale e sudorientale, compresa la maggior parte dei Caraibi, ma anche nell’Asia nordorientale e in Europa.

Temperature superiori alla media sono previste anche nel Pacifico meridionale e nella parte tropicale dell’Africa fino al Madagascar a est.

Al contrario, gran parte del Sud America avrà temperature all’interno della base.

Si prevede inoltre che le precipitazioni saranno più intense sotto l’influenza di La Niña nel sud-est asiatico appena a nord dell’equatore, nell’Oceano Pacifico sudoccidentale, nonché nel nord-est e nell’estremo nord-est nord-ovest del Sud America.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *