La morte può aspettare: l’eterno James Bond

I fan di Secret Agent saranno deliziati da questo ultimo lungometraggio di Daniel Craig nei panni di 007.

• Leggi anche: James Bond torna per salvare il mondo… e il cinema

• Leggi anche: Il produttore del franchising dice: “James Bond sarà sempre un uomo”

• Leggi anche: Aston Martin venduta ai bambini per $ 157.000

Rilasciati i grandi studi di gioco. La sceneggiatura firmata dal trio di Neil Purvis, Robert Wade e Phoebe Waller-Bridge — affiancata dalla regista Carrie Joji Fukunaga — inizia quasi in silenzio, come se il team volesse dare agli spettatori il tempo di assaporare quest’ultima performance di Daniel Craig in un film di James Bond .

“Dying Can Wait” inizia con James (Daniel Craig) e Madeleine (Lia Seydoux) che guidano lungo una strada tortuosa in Italia mentre va in scena il blockbuster di Louis Armstrong “We Have All The Time In The World”, una scena che i devoti riconosceranno essere un ricordo dei servizi segreti di Sua Maestà. Una volta a destinazione, Madeline suggerisce di andare da 007 per andare alla tomba di Vesper (Eva Green), ma è intrappolata e Bond quasi lascia lì la sua pelle. Poiché Bond sospetta che lei abbia rivelato il suo itinerario per il suo viaggio a Spectre, Bond lascia Madeleine.

Cinque anni dopo, troviamo il nostro ragazzo in Giamaica, dove sta passando una bella giornata di pensionamento… fino a quando Felix Leiter (Jeffrey Wright) viene a chiedergli di aiutarlo a trovare Faldo Obrushev, uno scienziato rapito, che è a Cuba. Il fastidioso Savin (Rami Malek) è coinvolto in una storia oscura del siero killer. E ovviamente Blofeld (Christoph Waltz) è lì. il riposo? Il resto lo si può vedere sul grande schermo, mangiato e gustato per 163 minuti che passano in un batter d’occhio.

READ  Joe Biden autorizza il trasferimento degli archivi di Donald Trump il 6 gennaio

Per quanto riguarda il 25°, quinto e ultimo film di James Bond di Daniel Craig, nulla è stato lasciato al caso. Tutte le sottotrame lasciate in sospeso nei quattro film precedenti verranno chiuse, Bond si incarna sempre di più, la sua relazione con Madeleine, la famosa “James Bond girls” Lashana Lynch – nel sonno, la nuova portatrice di No. 007 – e Anna Dee vengono esplorati sottilmente Armas en Paloma, un formidabile agente della CIA – non solo decorazioni, ma piuttosto partecipanti attivi al lavoro. Niente più battute sessuali e paternalistiche, James Bond è maturato, non è più un killer impenitente, e se ha ancora un problema di fiducia, non dovrà più esprimere i suoi sentimenti e le sue emozioni più profonde.

Le scene d’azione sono mozzafiato, Kari Joji Fukunaga non solo ha il completo controllo delle sue telecamere, ma sa anche come eseguire acrobazie evitando le overdose. Niente esplosioni incessanti, nessun “boom boom” frenetico, ma momenti potenti, senza fiato, perfettamente sincronizzati con la drammaticità della sceneggiatura.

Sceneggiatore e visivamente, il team ha raddoppiato i riferimenti all’ex James Bond, come per onorare Sean Connery e Roger Moore, entrambi deceduti. Qui vedremo i set di “James Bond vs. Dr. No” o “Live and Let Die”, lì ammireremo l’architettura brutalista, un ricordo della tana del cattivo in “The Man with the Golden Rifle” , anche qui vedremo l’immagine di una Judi Dench M morta in “007 Skyfall” o l’immagine di Bernard Lee Translator M to Moonraker.

Quindi sì, usciamo dal cinema con le lacrime agli occhi, alzando mentalmente un bicchiere da Martini al team di Death Can Wait per ringraziarli per averci fatto diventare realtà.

READ  indecenza europea | Giornalismo

Valutazione: 4.5 su 5

“La morte può aspettare” nelle sale l’8 ottobre.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *