La guerra in Ucraina | Scambio di prigionieri tra Kiev e Mosca

(Kiev) Ucraina e Russia hanno effettuato uno scambio di prigionieri militari, il più grande dall’inizio dell’offensiva alla fine di febbraio, e l’annuncio arriva dopo che Vladimir Putin ha mobilitato centinaia di migliaia di riservisti per riprendere la sua offensiva in Ucraina.

Inserito alle 6:16
Aggiornato alle 7:11.

Anya Tsukanova
Agenzia media francese

“Siamo riusciti a liberare 215 persone”, ha detto mercoledì sera il capo dell’amministrazione presidenziale ucraina, Andrei Yermak.

Kiev in particolare ha recuperato 188 “eroi” che hanno difeso le acciaierie Azovstal a Mariupol, simbolo della resistenza all’invasione russa, e questa città del sud – inclusi 108 membri del personale del reggimento Azov. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha detto che cinque capi militari, compresi i capi della difesa dell’Azovstal, sono stati trasferiti in Turchia.

Il capo di Stato ucraino ha affermato che rimarranno in questo Paese “in assoluta sicurezza e in condizioni confortevoli” fino alla “fine della guerra” secondo i termini di un accordo con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

Nel suo discorso quotidiano, Zelensky ha affermato che la Russia ha recuperato 55 prigionieri, tra cui l’ex parlamentare Viktor Medvedchuk, che è vicino al presidente russo Vladimir Putin, accusato di alto tradimento in Ucraina.

Ha sottolineato che dieci prigionieri di guerra – tra cui cinque britannici e due americani – sono stati trasferiti dalla Russia all’Arabia Saudita questa mattina nel quadro di uno scambio annunciato dalla diplomazia saudita tra Mosca e l’Ucraina, nell’ambito di questo scambio.

L’annuncio arriva a poche ore dall’ordine di mobilitazione parziale dei riservisti emesso da Vladimir Putin, che ha innescato manifestazioni estemporanee in almeno 38 città della Russia e l’arresto di almeno 1.332 persone. Queste sono le più grandi proteste in Russia da quella successiva all’annuncio dell’attacco russo all’Ucraina.

READ  Trump dice che Putin "non lo farebbe mai" se fosse al potere

“Solo una punizione”

Sul podio dell’Onu, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha attaccato direttamente la Russia, membro permanente del Consiglio di sicurezza, accusandola di “violare spudoratamente” i principi dell’Onu sin dal suo attacco all’Ucraina.

Dopo che Vladimir Putin ha minacciato di usare armi nucleari, il presidente degli Stati Uniti ha insistito: “Una guerra nucleare non può essere vinta e non deve essere condotta”.

Poche ore fa, in un discorso alla nazione, Putin si è detto pronto a usare “ogni mezzo” del suo arsenale contro l’Occidente, che ha accusato di voler “distruggere” la Russia. “Questa non è una bufala”, ha sottolineato.

Parlando tramite collegamento video all’Assemblea generale annuale delle Nazioni Unite mercoledì, Zelensky ha chiesto “giusta vendetta” contro Mosca, denunciando con forza l’invasione del suo paese da parte delle forze russe e ha chiesto la creazione di un tribunale speciale per processare Mosca “per il suo crimine di aggressione contro il nostro Stato”.

“Non permetteremo a questa entità di sopraffarci”, disse, e pronunciò la parola “punizione” non meno di quindici volte.

Il nuovo primo ministro britannico Liz Truss ha promesso mercoledì sera all’Assemblea generale delle Nazioni Unite che il Regno Unito continuerà a fornire aiuti militari all’Ucraina fino alla sua vittoria sulla Russia.

“Saremo calmi solo quando l’Ucraina vincerà”, ha affermato, dicendo che decretando la mobilitazione dei riservisti, Putin stava “cercando di giustificare il suo disastroso fallimento” in Ucraina.

L’Europa ha descritto questa mobilitazione come un “riconoscimento della debolezza” da parte di Mosca, il cui esercito ha subito battute d’arresto nelle ultime settimane contro le forze ucraine.

READ  Ucraina: due soldati e un civile uccisi in attentati separatisti

Mercoledì sera a New York si è tenuta una riunione informale di emergenza dei ministri degli Esteri dell’UE sull’Ucraina. Il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, ha detto subito dopo che l’UE sta valutando l’ipotesi di imporre nuove sanzioni a Mosca dopo l’ordine di mobilitazione.

Borrell ha affermato che i ministri dell’UE hanno adottato una dichiarazione “condannando fermamente la recente escalation russa”. “Continueremo ad aumentare la nostra assistenza militare ea studiare nuove misure restrittive” contro Mosca.

Dopo un incontro poco prima dedicato alla sicurezza degli impianti nucleari civili in tempo di conflitto armato, i ministri degli Esteri di Germania, Canada, Francia, Italia, Regno Unito e Ucraina, nonché i rappresentanti di Corea del Sud, Regno Unito Gli Stati Uniti e la Svizzera “hanno sottolineato con forza in una dichiarazione congiunta che il sequestro della centrale elettrica da parte della Russia Le armi nucleari a Zaporizhia e la sua militarizzazione (erano) la causa principale delle odierne minacce alla sicurezza nucleare”.

“Ricordiamo che l’aumento del rischio di un incidente nucleare rimarrà pericolosamente alto finché la Russia sarà presente nel sito di Zaporizhia”, hanno affermato.

Le autorità ucraine hanno accusato Mosca di aver bombardato mercoledì il sito della centrale elettrica di Zaporizhia (Ucraina meridionale), la più grande d’Europa.

Il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, Rafael Grossi, ha avvertito che la situazione in questo impianto “continua a deteriorarsi”. “Non possiamo permetterci di aspettare che accada qualcosa di catastrofico”, ha aggiunto.

” Per la pace ”

Facendo attenzione a non annunciare una mobilitazione generale, che milioni di russi temono, Putin ha emesso mercoledì un decreto “parziale”, una misura che ha ritenuto “urgente e necessaria”. Secondo il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu, inizialmente sono stati colpiti 300.000 riservisti.

READ  "Giugno" | Il Congresso degli Stati Uniti approva un giorno festivo per segnare la fine della schiavitù

In segno di preoccupazione per molti russi, i siti web delle compagnie aeree sono stati violati dopo il discorso di Putin e una petizione online contro la mobilitazione ha già raccolto più di 230.000 firme.

Più di 1.300 persone sono state arrestate in manifestazioni contro la mobilitazione secondo OVD-Info, un’organizzazione specializzata nel conteggio degli arresti.

“Tutti hanno paura. Io sono per la pace e non voglio sparare. Uno dei manifestanti a San Pietroburgo, Vasily Fedorov, uno studente con uno stemma pacifista sul petto, ha detto: ”

L’annuncio di martedì dell’annessione dei “referendum” nelle aree dell’Ucraina controllate da Mosca, dal 23 al 27 settembre, ha segnato un inasprimento.

La dottrina militare russa afferma che si può ricorrere agli attacchi nucleari se si attacca un territorio considerato russo, il che potrebbe essere il caso delle aree annesse.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.