La guerra in Ucraina | Biden condanna “l’attacco non provocato” e parla con Zelensky

(Washington) Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha denunciato “l’attacco russo non provocato” in Ucraina mercoledì sera, dopo che il suo omologo russo Vladimir Putin ha dichiarato “un’operazione militare” per difendere i separatisti nell’est del Paese.

Aggiornato alle 0:51

“Il presidente Putin ha scelto (per lanciare) una guerra premeditata che causerà sofferenze umane e perdite catastrofiche”, ha affermato Biden in una nota. Ha insistito sul fatto che “solo la Russia è responsabile della morte e della distruzione che deriveranno da questo attacco”.

Biden ha parlato con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ha annunciato in contemporanea la Casa Bianca.

“Il presidente Zelensky mi ha chiamato e abbiamo appena finito di parlare”, ha detto Joe Biden in una dichiarazione della Casa Bianca.

“Condanno questo attacco non provocato e non provocato dell’esercito russo”, ha continuato il presidente degli Stati Uniti, dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato una “operazione militare” condotta dalla Russia in Ucraina.

Joe Biden osserva anche che Volodymyr Zelensky gli ha chiesto di “spingere i leader mondiali a condannare chiaramente la palese aggressione del presidente Putin e stare dalla parte del popolo ucraino”.

Il presidente degli Stati Uniti, che ha precisato che giovedì parlerà delle “conseguenze” per la Russia di questo annuncio e incontrerà nella stessa giornata i suoi omologhi del Gruppo dei Sette, ha anche promesso di imporre sanzioni significative alla Russia .

“Continueremo a fornire supporto e assistenza all’Ucraina e al popolo ucraino”, conclude Joe Biden.

Diversi funzionari statunitensi eletti da entrambe le parti hanno criticato la decisione di Putin.

Il senatore democratico Mark Warner, presidente del Comitato di intelligence, ha esortato gli Stati Uniti e la NATO a “unirsi” nell’affrontare “i tentativi di Putin di far rivivere l’Impero russo a spese del popolo ucraino”.

READ  Un nuovo incontro segreto tra russi e americani a Ginevra

Per più di 70 anni abbiamo evitato una guerra su vasta scala in Europa. Con la sua invasione illegale dell’Ucraina, Vladimir Putin ha tragicamente posto fine a decenni di pace pubblica”.

Il senatore repubblicano Mitt Romney ha invitato gli Stati Uniti ei suoi alleati a “proteggere la libertà” sottoponendo “Putin e la Russia alle più dure sanzioni economiche, espellendoli dalle istituzioni globali e il nostro impegno per espandere e modernizzare la nostra difesa nazionale”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.