La guerra in Ucraina | Ben 13.000 soldati ucraini sono stati uccisi dall’inizio dell’invasione russa

(Kiev) Un consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato giovedì che non più di 13.000 militari ucraini sono stati uccisi da quando la Russia ha invaso il loro paese a febbraio.


Abbiamo stime ufficiali dallo stato maggiore […] Si va dai 10.000 […] “Sono fino a 13.000 morti”, ha detto Mykhailo Podolak, uno dei consiglieri di Zelensky, su Canale 24 dell’Ucraina.

Secondo lui, il capo dello Stato pubblicherà dichiarazioni ufficiali “quando sarà il momento”.

Quando le forze russe hanno combattuto a giugno per prendere il controllo dell’intera regione di Luhansk nell’Ucraina orientale, Zelensky ha detto che il suo paese stava perdendo “da 60 a 100 soldati al giorno, uccisi in azione, circa 500 feriti in combattimento”.

D’altra parte, il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha dichiarato a settembre che 5.937 militari russi sono stati uccisi dall’inizio del conflitto il 24 febbraio.

Si sospetta che i due rivali stiano sottovalutando le loro perdite per evitare di intaccare il morale delle loro forze.

Il capo di stato maggiore degli Stati Uniti, il generale Mark Milley, ha stimato a novembre che più di 100.000 soldati russi erano stati uccisi o feriti dall’invasione e che le vittime erano probabilmente dello stesso ordine da parte ucraina.

Questi numeri – che non possono essere confermati da fonti indipendenti – sono i più accurati che il governo degli Stati Uniti abbia fornito fino ad oggi.

Diverse migliaia di civili sono stati uccisi nel conflitto armato più sanguinoso in Europa da decenni.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.