La genetica è in parte responsabile del disturbo da consumo di alcol

La genetica sarà responsabile del 50% del rischio di sviluppare un disturbo associato al consumo di alcol, noto come TLUA, secondo un recente studio rivelato martedì.

Secondo i dati del sondaggio Éduc’alcool, il nostro bagaglio genetico spiega il 50% del rischio di sviluppare determinati problemi di salute legati al consumo di alcol, come cancro o malattie del fegato.

“Oltre alla frequenza del consumo e alla quantità di alcol che un individuo beve, ora sappiamo che anche il codice genetico ha un ruolo da svolgere nella sua suscettibilità all’organismo”, ha affermato Marie-Pierre Dube, direttrice del Beaulieu-Saucier Centro di farmacogenomica dell’Università di Montreal.

Tuttavia, lo studio identifica che i comportamenti appresi dall’ambiente familiare e sociale potrebbero essere la causa di TLUA nelle stesse proporzioni (50%), a seconda della quantità consumata, secondo Éduc’alcool.

L’organizzazione raccomanda vigilanza e moderazione, soprattutto perché è troppo presto per prevedere quali consumatori sono ad alto o basso rischio di sviluppare UALU o coloro che potrebbero subire gli effetti negativi dell’alcol sulla loro salute a causa del loro background genetico.

“Quindi è sempre una buona idea porre domande sulle abitudini familiari relative al consumo di alcol, mettere in discussione lo stato di salute di ogni persona e rimanere informati sulle proprie abitudini di consumo per evitare danni”, ha affermato Genevieve Desautiles, CEO. Éduc’alcool Direttore.

READ  Il fly e il GPS integrato

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.