La dichiarazione dei redditi di Donald Trump dovrebbe andare al Congresso

Venerdì il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha ordinato che le dichiarazioni dei redditi dell’ex presidente Donald Trump, che si è sempre rifiutato di rilasciare, siano inviate a una commissione del Congresso.

• Leggi anche: La polarizzazione non va in vacanza

Una commissione per il bilancio della Camera ha fornito “ragioni sufficienti per richiedere il bilancio dell’ex presidente e il Tesoro dovrebbe fornirgli queste informazioni”, ha stimato il ministero in una nota.

A differenza di tutti i suoi predecessori dagli anni ’70, Donald Trump, che ha fatto della sua fortuna un argomento durante la campagna elettorale, si rifiuta di rilasciare le sue dichiarazioni dei redditi. La sua mancanza di trasparenza alimenta la speculazione sull’entità della sua ricchezza o potenziali conflitti di interesse.

Nel tentativo di saperne di più, tre comitati della Camera controllati dai democratici nel 2019 hanno richiesto alla società di revisione Mazars, nonché a Deutsche Bank e Capital One, una serie completa di documenti finanziari relativi all’attività. Donald Trump tra il 2010 e il 2018 e i suoi parenti.

Il Comitato Modi e Mezzi, a cui si riferisce la nota del ministero, chiede più specificamente sei anni di dichiarazioni dei redditi come parte della sua autorità di controllare i servizi fiscali.

Allo stesso tempo, anche il procuratore generale di Manhattan Cyrus Vance ha rivendicato i documenti finanziari di Donald Trump nell’ambito di un’indagine su possibili violazioni delle leggi di New York.

In una lite sulla sua immunità presidenziale e separazione dei poteri, Donald Trump si è battuto su tutti questi fronti, rivolgendosi due volte alla Corte Suprema che, a febbraio, ha autorizzato il trasferimento di alcuni atti al nuovo sistema giudiziario. Yorker. Poiché l’indagine si svolge a porte chiuse, queste informazioni sono mantenute riservate.

READ  Il declino delle larve è esacerbato dall'illuminazione stradale

Può nuovamente fare appello per opporsi all’ordine del Dipartimento di Giustizia, ma venerdì le sue intenzioni non erano note.

Senza aspettare di essere riconosciuta, la presidente della Camera democratica Nancy Pelosi ha salutato una “vittoria per lo stato di diritto”.

“Gli americani meritano di conoscere i fatti sui preoccupanti conflitti di interesse che sotto la sua guida hanno minato la nostra sicurezza e la nostra democrazia”, ​​ha affermato in una nota.

  • Ascolta le notizie con Alexandre Moranville-Ouellet su QUB Radio:

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *