Jalibert dovrebbe poter giocare contro l’Italia

Aurélien CANOT, Media365, pubblicato lunedì 17 gennaio 2022 alle 17:50

Toccato a una coscia domenica contro gli Scarlets in Coppa dei Campioni, Matthieu Jalibert dovrebbe saltare solo due settimane di gara. La prima metà dell’UBB dovrebbe quindi essere a piedi per dare il via al Torneo 6 Nazioni con i Blues.

Fabien Galthié attendeva con impazienza il verdetto. L’allenatore dei Blues può essere sollevato. Annunciato incerto, caldo per l’inizio del Torneo 6 Nazioni con il XV di Francia, il 6 febbraio contro l’Italia, Matthieu Jalibert dovrebbe infatti finalmente essere in grado di rispondere agli italiani. Il primo tempo di Bordeaux-Bègles toccato domenica in casa contro gli Scarlets in Coppa dei Campioni (vittoria 45-10) ha superato lunedì gli esami per scoprire con grande precisione di cosa soffre e per essere messo nel profumo anche sulla durata della la sua indisponibilità così come le sue possibilità di essere in gioco per l’inizio del Torneo. E secondo i nostri colleghi di RMC Sport, il numero internazionale 10 ha appreso buone notizie. Jalibert dovrebbe quindi stare lontano dal campo solo per circa due settimane. Dovrebbe quindi tornare in gara alla fine del mese o all’inizio del successivo. Un tempismo, se confermato, quello dovrebbe quindi permettere al giocatore di riprendersi pienamente per la prima uscita della seconda della scorsa edizione, allo Stade de France davanti agli italiani.

Jalibert potrebbe non perdere nemmeno una parte della preparazione

Se mancano solo due settimane, come RMC Sport suggerisce questo lunedì all’indomani dell’infortunio del nativo di Saint-Germain-en-Laye (Yvelines), quest’ultimo potrà addirittura partecipare a pieno titolo al fianco del CNR di Marcoussis nella settimana di preparazione che precederà questa primo incontro. L’apertura dell’UBB aveva lasciato i suoi compagni di squadra all’inizio del secondo tempo domenica sera in Gironda dopo un infortunio alla coscia. Poco prima di lasciare il campo, il numero 10 aveva però permesso al suo giovane compagno di squadra Louis Bielle-Barrey, per il suo battesimo del fuoco con i colori dell’UBB, di segnare la sua seconda meta della serata e allo stesso tempo permettere ai suoi di prendere via con il punteggio (26-0) davanti al proprio pubblico. Jalibert, invece, aveva poi saltato la trasformazione. Quando se ne andò, i tifosi del Girondino come quelli del XV di Francia avevano incrociato le dita in modo che il giovane 23enne apripista trovasse rapidamente i prati. Sono stati ovviamente ascoltati.

READ  l'eccedenza commerciale continua a diminuire in ottobre

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.