‘ladri’, ‘omicidi’, ‘stupratori’ | Zemmour, condannato per i suoi commenti anti-immigrati, denuncia il processo politico

(Parigi) Eric Zemmour è stato nuovamente condannato per incitamento all’odio, questa volta per i suoi commenti sui minori non accompagnati: lunedì il tribunale penale di Parigi gli ha inflitto una multa di 10.000 euro, una sentenza che ha definito “ideologica e stupida” e che ha affermato di farebbe ricorso.

Inserito alle 10:41
Aggiornato alle 13:29.

Marie Domires
Agenzia media francese

È un atto d’accusa allo spirito libero da parte di un sistema giudiziario invaso dagli ideologi. Nient’altro che il solito profondo rammarico, insomma”, ha replicato Eric Zemmour in un comunicato. “È giustizia politica. Ora sono in procinto di un processo politico”, ha detto a diversi media.

L’avvocato dell’argomento, Olivier Bardot, aveva annunciato l’appello del suo cliente non appena aveva lasciato l’aula.

“In primo luogo perché spesso vincevamo in appello”, ha giustificato Me Pardo, poi perché la corte “distorce il processo” ritenendo che le dichiarazioni del sig. Zemmour “colpissero gli immigrati” mentre prendevano di mira minori non accompagnati.

Invece, nella sua sentenza, la corte ha ritenuto che “sotto le spoglie dell’etichetta ‘minori non accompagnati’ l’ex giornalista prendeva di mira persone che condividevano ‘l’unica verità di non appartenere alla nazione francese’”.

Eric Zemmour è così abituato ai procedimenti legali che è stato rilasciato più volte e condannato due volte per incitamento all’odio. Questa volta è stato processato per le dichiarazioni rilasciate su CNews, di cui era allora un editorialista di punta.

Parola senza sensi di colpa

Il 29 settembre 2020, durante un dibattito sul programma “Face à l’info” dopo un attentato davanti agli ex locali di Charlie Hebdo, l’oratore ha affermato: “Qui non hanno niente da fare, sono ladri, sono sono assassini, sono stupratori, è tutto qui. La questione è che dovrebbero essere licenziati e non dovrebbero venire”.

READ  Francia: A quattro giorni dalle elezioni un acceso dibattito tra Macron e Le Pen | Presidenza francese 2022

Poi ha aggiunto: “E’ un’invasione permanente, è un problema di politica dell’immigrazione”.

La corte ha stabilito “commenti particolarmente osceni e offensivi” e una “violazione” della libertà di espressione.

I giudici hanno anche ritenuto che “l’ostilità allevata” possa “favorire un atto che è facile da commettere perché trovano terreno fertile per la libertà di parola”.

“Non c’è un briciolo di razzismo in Eric Zemmour” che dice solo “realtà”, a volte “brutalmente, secondo le sue stesse parole”, ha ulteriormentee Pardo all’udienza di novembre, chiedendone il rilascio.

Il tribunale ha anche condannato il direttore editoriale di CNews, Jean-Christophe Thierry de Bersegol de Moulins, processato insieme a Eric Zemmour come di consueto nei processi con la stampa, a una multa di 3.000 euro.

“Condannare il capo della stampa è condannare a poco a poco la libertà di espressione. Ha replicato il suo avvocato M.”.e Olivier Baratelli, che riprenderà anche lui.

Giovedì un altro processo

Diverse associazioni tra cui LDH, Maison des potes e SOS Racisme hanno intentato cause civili.

“Dietro questo progetto mediatico, c’è un progetto politico, è un progetto di odio, un progetto che tende a stigmatizzare le persone a causa della loro origine, del loro riconoscimento, della loro razza”, Aryeh Alimi, avvocato per i diritti umani Lega, ha risposto, accogliendo con favore una decisione “importante”.

Le controverse uscite di Eric Zemmour, 63 anni, che ha lasciato CNews a metà settembre per le sue ambizioni presidenziali, gli sono valse una quindicina di cause legali negli ultimi dieci anni.

Dovrebbe essere processato giovedì per aver sfidato un crimine contro l’umanità dopo aver sostenuto nell’ottobre 2019 su CNews che il maresciallo Philippe Petain “ha salvato” gli ebrei francesi.

READ  Ucraina: scene "strazianti" a Mariupol, afferma il CICR

È stato assolto nel febbraio 2021 e la corte ha ritenuto che le dichiarazioni “sfuggessero di mano mentre si discuteva della guerra in Siria”.

Il suo avvocato spera di metterlo sotto accusa, nel contesto delle elezioni presidenziali, per quello che definisce un “crimine di opinione”.

Eric Zemmour è stato anche convocato il 27 gennaio da compagnie cinematografiche e personalità per frode, dopo l’uso non autorizzato di immagini nel video di presentazione della sua campagna.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.