Israele | Sostituire la mascherina nei luoghi pubblici chiusi

(Tel Aviv) Israele venerdì si è nuovamente impegnato a indossare maschere nei luoghi pubblici e nelle attività commerciali chiuse dopo un aumento dei casi di coronavirus, in un paese che si vanta di essere il primo a uscire dalla crisi sanitaria grazie alla vaccinazione diffusa. campagna.




Daniela Chislo
Agenzia di media Francia

A partire dal 15 giugno, gli israeliani non sono più tenuti a indossare maschere, né all’interno né all’esterno, poiché più della metà dei nove milioni di residenti stimati ha ricevuto due dosi del vaccino.

Ma le autorità sanitarie hanno avvertito nei giorni scorsi della diffusione del tipo delta, che è apparso in India ed è più contagioso di altri.

Di conseguenza, il ministero della Salute israeliano ha annunciato che a partire da mezzogiorno le mascherine saranno nuovamente obbligatorie “in tutti i luoghi non all’aperto, tranne che a casa”.

Da lunedì, le autorità sanitarie hanno registrato più di 100 nuovi pazienti ogni giorno. Erano 227 giovedì, secondo l’ultimo rapporto disponibile.

Foto di Ahmed Gharbali, Agence France-Presse Archives

“Speriamo che i vaccini ci proteggano da un picco di ricoveri e casi gravi”, ha detto venerdì alla radio pubblica di Cannes il coordinatore del coronavirus Nachman Ash.

Attualmente, 48 pazienti sono ricoverati e 26 sono considerati casi gravi, secondo il ministero della Salute.

“dentro fuori, [je porte] Lo nasconde sempre. Esther Hamshalom, residente a Gerusalemme, ha detto all’AFP.

Hadar Lafi si è rammaricato della decisione del ministro, ritenendo che indossare la mascherina fosse “inefficace”.

Al culmine dell’epidemia, a gennaio, in Israele sono stati registrati circa 10.000 casi al giorno, prima che la tendenza si invertisse grazie a una massiccia campagna di vaccinazione che ha permesso un calo dell’inquinamento.

READ  Biden dice che vuole una "dura concorrenza" con la Cina, ma senza lottare

Una “nuova ondata”?

Lo stato ebraico è stato uno dei primi a lanciare un’ambiziosa campagna di vaccinazione a dicembre dopo un accordo con il colosso farmaceutico statunitense Pfizer che ha fornito milioni di dosi in cambio di dati sugli effetti della vaccinazione in un paese che ha digitalizzato i database medici sui suoi residenti.

Foto di Jacques Guise, Agence France-Presse

Da allora, più di cinque milioni di israeliani (55% della popolazione) hanno ricevuto due dosi del vaccino e la campagna è stata estesa all’inizio di giugno per includere adolescenti di età compresa tra 12 e 16 anni.

L’ex primo ministro Benjamin Netanyahu si è vantato a febbraio di questa campagna che ha reso Israele il laboratorio del mondo.

“Abbiamo fatto di Israele un modello planetario di successo”, ha detto nella sua campagna di rielezione.

Ha anche promesso che Israele, dove sono stati imposti tre rigidi blocchi dall’inizio della pandemia, sarà “il primo paese al mondo a uscire dalla crisi sanitaria ed economica e a tornare in vita”.

Lo Stato ebraico ha annunciato, mercoledì, il rinvio della riapertura delle sue terre ai turisti “per timori di una possibile diffusione del tipo delta”, introdotta dai viaggiatori di ritorno dall’estero nel Paese.

Il nuovo primo ministro, Naftali Bennett, ha avvertito di una possibile “nuova ondata” e ha invitato gli israeliani a non viaggiare all’estero.

Il ritorno della mascherina obbligatoria arriva mentre migliaia di persone prendono parte a una “marcia dell’orgoglio” a Tel Aviv, che gli organizzatori hanno descritto come il più grande raduno del suo genere dall’inizio della pandemia.

Foto di Corinna Kern, Reuters

Parata dell’orgoglio a Tel Aviv

Un giornalista dell’AFP ha notato che pochi manifestanti indossavano maschere sanitarie, mentre il Ministero della Salute ha consigliato ai partecipanti di indossare una maschera sul viso, anche se il raduno era all’aperto.

READ  Gli alieni ci stanno guardando? L'attesissimo rapporto sugli UFO degli Stati Uniti

Il ministero ha inoltre precisato di esonerare da tale obbligo i bambini di età inferiore ai sette anni, le persone con disabilità e coloro che praticano sport.

In totale, dall’inizio dell’epidemia in Israele sono state registrate più di 840.000 infezioni, inclusi 6.429 decessi.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *