Innocente Dopo 43 anni di carcere, un afroamericano fatica ad adattarsi alla sua nuova libertà

Washington | “Ancora non riesco a crederci”: Kevin Strickland, un afroamericano che è stato assolto dopo aver scontato 43 anni di carcere, ha ammesso mercoledì di aver avuto difficoltà ad adattarsi alla libertà che ha rivendicato all’età di 62 anni.

• Leggi anche: Afroamericano assolto dopo 43 anni di carcere

“Vivevo rinchiuso in una piccola cella dove sapevo esattamente cosa stava succedendo, e il fatto di essere in una casa, di sentire uno squittio, ero un po’ spaventato”, ha detto. alla CNN, spiegando che ha fallito. Dorme la prima notte senza sbarre alla finestra.

È stato condannato all’ergastolo nel 1979 da una giuria bianca nel Missouri, per aver commesso tre omicidi, che ha sempre negato.

Secondo il giudice che martedì lo ha assolto formalmente, non c’erano prove fisiche che lo collegassero al delitto ed è stato condannato solo sulla base della testimonianza di un sopravvissuto che poi è stata ritrattata. Inoltre, due dei quattro autori del raid lo avevano ufficialmente licenziato.

“È incredibile che finalmente ci sia arrivato”, balbettava la persona che da decenni cercava di ottenere l’ammissione della propria innocenza e il rilascio.

Dopo una notte “difficile”, ha detto: “Mi chiedevo: + È tutto vero? Mi stanno aspettando fuori per riportarmi in prigione?”

Appena liberato, si è recato sulla tomba della madre, morta a fine agosto, senza poter assistere ai funerali.

“Ho pianto, come se fossi stato condannato per un crimine che non avevo commesso”, ha detto Kevin Strickland, aggiungendo dopo aver parlato con sua madre: “Penso che mi abbia sentito”, ha detto, la sua voce piena di emozione.

READ  Cop26: la Cina annuncia accordo con Washington per "rafforzare l'azione per il clima"

Vincere il jackpot

Ora vuole vedere il mare per la prima volta nella sua vita.

Disse: “Sarà una grande vittoria”.

“Quando ero giovane, ero un buon nuotatore, e ho sempre amato l’acqua, e ti senti potente nell’acqua”, ha spiegato.

“A 62 anni, sono convinto di poter fare surf”, ha detto, anche se è stato su una sedia a rotelle per diversi anni a causa di problemi di salute.

È una delle liste più longeve di americani che hanno trascorso la maggior parte del tempo dietro le sbarre.

Lunedì, quattro afroamericani sono stati ufficialmente assolti postumi, 70 anni dopo essere stati giudicati colpevoli di aver violentato una giovane ragazza bianca in Florida.

La scorsa settimana, un tribunale di New York ha annunciato l’assoluzione di altri due afroamericani condannati per l’omicidio del 1965 di Malcolm X, un simbolo del caso nero.

Il sapore della libertà è amaro per Kevin Strickland, che non può chiedere un risarcimento allo stato del Missouri per i suoi anni di detenzione.

Il suo avvocato, Tricia Rojo Bushnell, un membro del Midwest Innocence Project che ha presentato il file di rinuncia, ha organizzato una campagna di crowdfunding online per aiutarlo a stabilirsi nella sua nuova vita.

“Senza soldi, senza alloggio, senza trasporto, senza assistenza sanitaria o assicurazione, e con una fedina penale che raramente viene revocata nonostante sia stata dichiarata innocente, la punizione continua a lungo dopo che l’innocenza è stata dimostrata”, spiega l’avvocato sulla pagina GoFundMe dedicata a Kevin Strickland.

A partire da mercoledì, il jackpot ha raggiunto più di $ 330.000.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *