incendi boschivi | La Grecia si è trasformata in una “polveriera”, e in Turchia la crisi continua

(Avidence) Diverse regioni della Grecia hanno continuato a bruciare venerdì, una settimana dopo un’ondata di caldo che ha trasformato il paese in una “polveriera”, mentre la Turchia ha dovuto affrontare una situazione altrettanto critica.




SARÀ VASSILOPOULOS
Agenzia di media Francia

Spesse ondate di fumo sono ancora fuoriuscite venerdì sera da un focolaio su larga scala scoppiato martedì a nord di Atene e che è ripreso bruscamente da giovedì ai piedi del Monte Barnes.

“Stiamo soffocando di nuovo perché c’è una violenta ripresa delle sparatorie”, ha detto venerdì sera Spyros Fritos, sindaco della città di Charnes, a 30 km da Atene. “Siamo molto preoccupati” mentre le fiamme hanno preso slancio e si sono diffuse a nord-est, ha detto a Sky TV.

I giornalisti dell’AFP hanno notato che gli incendi sono divampati nel villaggio di Avidenes per tutta la notte, lasciando una scena di auto carbonizzate, case distrutte e alberi carbonizzati.

FOTO THANASSIS STAVRAKIS, Giornalista Associato

I residenti del villaggio di Avidens guardano una casa in fiamme.

Nelle vicinanze, a Krioneri, sono state incendiate case, attività commerciali e fabbriche. “Il fuoco è fuori controllo. Non voglio andarmene, tutta la mia vita è qui”, dice Vasiliki Papabanagiotis.

Una parte dell’autostrada che collegava il nord e il sud è stata interrotta per precauzione mentre 2.000 migranti sono stati evacuati dal campo vicino a Ritsuna.

Almeno 450 vigili del fuoco greci stavano cercando di raggiungere la fine dell’incendio, aiutati da risorse aeree e terrestri e da rinforzi francesi, svedesi, rumeni, svizzeri, israeliani e ciprioti.

“Condizione critica”

Il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis ha descritto la situazione come “estremamente pericolosa” di fronte alle dozzine di incendi che hanno spazzato la Grecia dal 27 luglio sotto l’influenza delle temperature torride.

READ  Iraq: attacco di droni a una base che ospita americani in Kurdistan

“Stiamo affrontando circostanze senza precedenti, poiché diversi giorni di ondata di caldo hanno trasformato l’intero paese in una polveriera”, ha detto giovedì sera in un discorso televisivo.

FOTO THANASSIS STAVRAKIS, Giornalista Associato

I proprietari di questa casa monitorano i danni causati dal fuoco nel villaggio di Drosopigi, a circa 28 km a nord di Atene, in Grecia.

Un rapporto preliminare delle Nazioni Unite consultato dall’AFP descrive il Mediterraneo come un “punto caldo del cambiamento climatico” che vedrà grandi ondate di calore e siccità, nonché incendi alimentati dal calore.

Con il mercurio che oscilla tra i 40 ei 45 gradi, Grecia e Turchia stanno vivendo un’ondata di caldo eccezionale, la “peggiore” per i greci da tre decenni, secondo Mitsotakis.

Nei due Paesi vicini, le foreste bruciano da 10 giorni, gli incendi hanno distrutto case e attività commerciali, costringendo centinaia di residenti e turisti ad evacuare.

Secondo la presidenza turca, dalla parte turca dell’Egeo, dalla fine di luglio sono stati contati 208 incendi, di cui 12 ancora in corso da venerdì e 196 sono stati domati.

Da parte greca, il viceministro della Protezione civile, Nikos Hardalias, ha stimato che venerdì 56 dei 99 incendi contati il ​​giorno precedente erano ancora attivi.

Otto persone sono morte e decine sono state ricoverate in ospedale nel sud della Turchia.

In Grecia, un residente del nord di Atene è stato ucciso da una caduta da un palo elettrico e un industriale è morto di arresto cardiaco nella sua fabbrica a Krioneri mentre tutto intorno a lui bruciava. Diciotto persone sono rimaste ferite, tra cui due vigili del fuoco volontari in condizioni critiche.

READ  Legno rosso avvolto in alluminio per proteggerlo dal fuoco

“Un momento molto triste”

“È un momento molto triste”, ha detto all’AFP Konstantinos Konstantinidis, un residente di Korkoloy, uno dei 20 villaggi evacuati dall’isola greca di Eubea, situata a 200 chilometri a est di Atene.

Nel sud del Peloponneso, nella località turistica di Gythio, anche 5.000 residenti e turisti sono stati invitati a lasciare il proprio alloggio e dirigersi verso una città vicina, secondo il canale televisivo pubblico ERT.

In Turchia, nel porto di Oren, Hulusi Konic giovedì ha rifiutato di seguire centinaia di abitanti di un villaggio evacuati via mare dalle vicinanze della stazione termale di Milas, nel sud-ovest del Paese.

FOTO EMRE TAZEGUL, STAMPA ASSOCIATA

I residenti di Milas, nel sud-ovest della Turchia, sono stati costretti ad evacuare a causa di un incendio boschivo.

“Dove vuoi che andiamo ai nostri tempi?” chiede il pensionato di 79 anni.

L’incendio che si è pericolosamente avvicinato alla centrale termoelettrica locale, il cui perimetro contiene migliaia di tonnellate di carbone, è stato spento, secondo il comune di Mugla.

I combattimenti sono proseguiti venerdì in cinque province turche, comprese le aree turistiche di Antalya e Mugla, dove si sono verificate ulteriori evacuazioni, secondo NTV.

Ad Atene, messaggi di testo hanno avvertito viaggiatori e greci del “pericolo estremo di incendio nei prossimi giorni”.

Le autorità vietano “l’accesso alle foreste e alle aree boschive” e consigliano “di evitare tutti gli spostamenti” a causa dell’inquinamento atmosferico nella capitale greca.

L’Osservatorio di Atene ha avvertito che la qualità dell’aria è “scarsa”. Con i volti coperti per proteggersi dalle particelle nocive, alcuni turisti hanno sfidato il clima soffocante per scalare l’Acropoli, prima che chiudesse a mezzogiorno a causa di un’ondata di caldo.

READ  La Francia richiama i suoi ambasciatori negli Stati Uniti e in Australia

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *